menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Criticità in ospedale: "Regione e Ausl diano tempistiche certe"

Sul tema il deputato di Forza Italia, Galeazzo Bignami, ha interessato la Regione Emilia Romagna con una interrogazione a firma del gruppo regionale azzurro

Il 2 ottobre si è svolto nel Comune di Ravenna un Consiglio comunale straordinario, su richiesta di tutti i gruppi di opposizione, al quale è stato chiamato a relazionare il direttore generale della Ausl Romagna. All’ordine del giorno una serie di criticità, in particolare per quanto riguarda l’ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna.

Sul tema il deputato di Forza Italia, Galeazzo Bignami, ha interessato la Regione Emilia Romagna con una interrogazione a firma del gruppo regionale azzurro. “Tra le critiche sollevate dalle opposizioni – spiega Bignami - il fatto che l’Ausl Romagna risulti a oggi una semplice ‘somma’ delle quattro aziende sanitarie, con uno scarso livello di integrazione e con servizi che sarebbero appannaggio delle realtà sanitarie più forti. Si lamenta il fatto che il progetto del grande ospedale Bufalini di Cesena non stia coinvolgendo attivamente i vari territori, con un comprensibile timore di un depotenziamento degli altri presidi ospedalieri. E ancora: la scarsità di personale, le Case della Salute che non vengono potenziate nelle loro funzioni di primo intervento, con un conseguente congestionamento del pronto soccorso, la mancata nomina di un direttore di Cardiologia (oggi sostituito per alcune giornate dal primario di Rimini) e l’annoso problema della Medicina riabilitativa, ‘provvisoriamente’ spostata nel Cmp di via Fiume Abbandonato e che attende una adeguata collocazione".

“Tutte questioni che vanno risolte, chiarite, che meritano tempistiche certe e sulle quali la partecipazione dei territori deve essere reale – prosegue Bignami - Tra l’altro, nel corso del Consiglio comunale, il direttore generale della Ausl Romagna ha ventilato l’ipotesi di uno sdoppiamento della Medicina Interna. Anche su questo va fatta chiarezza, così come sulle intenzioni della Regione per far fronte al problema di carenza del personale. Chiediamo, in definitiva, che la Regione e l’Ausl Romagna spieghino quali misure si stiano predisponendo per risolvere tutte queste criticità, se siano previste nuove assunzioni, per quali reparti e per quali figure professionali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento