menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crollo della chiusa di San Bartolo, verifiche in corso: "Prioritario riaprire la Ravegnana"

Sono in corso le verifiche per fotografare lo ‘stato di salute’ dell’argine sul fiume Ronco lungo la Ravegnana, dove il 25 ottobre scorso ha perso la vita il sorvegliante idraulico, Danilo Zavatta, nel crollo della chiusa

Sono in corso le verifiche per fotografare lo ‘stato di salute’ dell’argine sul fiume Ronco lungo la Ravegnana, dove il 25 ottobre scorso ha perso la vita il sorvegliante idraulico, Danilo Zavatta, nel crollo della chiusa. Avviate subito dopo il dissequestro dell’area disposto dall’autorità giudiziaria lo scorso 7 novembre – ad eccezione della centralina sullo sbarramento di San Bartolo – queste verifiche seguono lo svolgimento delle opere urgenti di messa in sicurezza, realizzate dalla Regione con circa 260 mila euro. L’intervento ha permesso di realizzare una barriera di palancole, tavole di acciaio, per bloccare il flusso di acqua e interrompere l’erosione dell’argine.

“Entro la settimana si chiuderanno i rilievi tecnici, finanziati con circa 200 mila euro, necessari per definire un quadro chiaro e approfondito della situazione”, afferma l’assessore regionale alla protezione civile, Paola Gazzolo. In particolare, il Servizio Area Romagna dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile ha già realizzato approfondimenti geoelettrici per valutare la distribuzione delle acque sotterranee, attraverso l’impiego di correnti elettriche fatte circolare nel terreno. In questi giorni si stanno concludendo i rilievi topografici di dettaglio di tutta l’area, insieme alle prove geognostiche necessarie per esaminare le condizioni dell’argine fino a 35 metri di profondità mediante appositi sondaggi e carotaggi.

"Terminate le valutazioni tecniche e assicurata l’incolumità pubblica, esigenze primarie - dichiara il sindaco e presidente della Provincia di Ravenna, Michele de Pascale - è fondamentale passare subito alla fase di realizzazione degli interventi per il ripristino della mobilità nel più breve tempo possibile. La situazione è oggettivamente di grande criticità, causata dal fatto che purtroppo non sussistono soluzioni viabilistiche alternative di rango idoneo a una strada fondamentale per l’economia e per la vita di tante persone. Comune e Provincia di Ravenna confidano che la progettazione si chiuderà rapidamente e che i lavori vengano svolti con il massimo della solerzia e al contempo per garantire la totale sicurezza. Siamo consapevoli della complessità della situazione, ma siamo certi che tutti gli sforzi saranno indirizzati al raggiungimento dell’obiettivo".

“A dicembre – conclude Gazzolo – sarà pronto il progetto per il definitivo ripristino dell’arginatura, della strada e della campata della traversa di San Bartolo, e si potrà procedere quindi ad affidare il cantiere. L’obiettivo è riaprire la circolazione nel più breve tempo possibile, nella garanzia della piena sicurezza. Disporre di un elevato livello di conoscenza è il presupposto per riuscirci”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento