Beni culturali: dal Ministero 3,7 milioni di euro per la Colonia di Castel Raniero

Sia il complesso architettonico che il parco sono al centro di un progetto recupero e salvaguardia. Diventerà un Centro Studi Universitario interdisciplinare

È di 25 milioni di euro l’ammontare degli investimenti per 10 nuovi progetti, diffusi su 9 regioni, del Piano Strategico “Grandi Progetti Beni Culturali” varato dal Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, che ha ricevuto il 17 dicembre il parere favorevole della conferenza unificata Stato-Regioni dopo il passaggio in Consiglio Superiore dei beni Culturali. Con tali risorse, che si sommano ai 103.630.501 euro già stanziati il 9 agosto per altri 11 progetti, il valore complessivo del nuovo Piano Strategico arriva a 128.630.501 euro.

Di questi circa 3,7 milioni di euro sono destinati alla Colonia di Castel Raniero a Faenza che è al centro di un progetto per il recupero e salvaguardia sia del complesso architettonico, già ospizio montano Vittorio Emanuele III, sia del Parco. L'obiettivo è farne un Centro Studi Universitario interdisciplinare sui temi del recupero del patrimonio culturale e antropologico, del paesaggio italiano, dell’archeologia, dell’architettura, dei sistemi di comunicazione per la conoscenza del patrimonio culturale nazionale, oltre alla documentazione storica riguardante la Prima Guerra Mondiale, in collegamento con il territorio e il centro abitato e dotato di spazi per l’ospitalità ed eventi.

“Dieci nuovi interventi – dichiara il Ministro Dario Franceschini - che coprono un’area geografica più ampia e diffusa, comprendendo nuove realtà strategiche e contribuendo al recupero di realtà straordinarie del patrimonio culturale nazionale. Si tratta di progetti e cantieri che interessano l’intero territorio nazionale e che, ad eccezione dell’intervento romano, sono localizzati in modo prevalente nei piccoli e medi comuni prediligendo quel patrimonio diffuso che è la vera ricchezza del nostro Paese”

“Una splendida notizia per Faenza e l’intera Emilia-Romagna - è il commento del presidente della Regione Stefano Bonaccini - Il restauro dell’ex Colonia di Castel Raniero a cui abbiamo dato il via libera oggi in Conferenza Stato-Regioni premia un territorio che ha saputo unirsi a sostegno di un progetto importante, relativo a un luogo amato, di grande importanza e valore storico, non a caso inserito dal FAI nei suoi ‘Luoghi del cuore’. Un bene architettonico di valenza anche ambientale e paesaggistica, bene comune per il quale le istituzioni e tutta la comunità si sono battuti e che voglio ringraziare, così come ringrazio il Governo e, in particolare, il ministro dei Beni culturali. Lavorare insieme continua a essere la strada giusta, quella che nella nostra regione intendiamo continuare a percorrere, soprattutto in questa fase durissima dalla quale, ne sono certo, usciremo facendo squadra”.

“Sono felice ed anche emozionato per questa straordinaria notizia -dice il sindaco di Faenza, Massimo Isola- frutto di un lungo e importante lavoro fatto dagli amministratori delle passate Giunte, dal mondo dell’associazionismo e di tanti altri soggetti che hanno creduto in questo progetto. Si tratta infatti di un lavoro di squadra che ha rimesso al centro dell’attenzione l’ex Colonia come bene comune e opportunità per la comunità. La Colonia di Castel Raniero è allo stesso tempo un contenitore storico e culturale prezioso e un luogo dell’anima e dell’identità della nostra città, al quale i faentini sono legati da ricordi ed emozioni personali. Ringrazio il ministro Franceschini che a gennaio ha visitato quello spazio promettendoci una mano. Devo ringraziare il governatore Bonaccini, il presidente della Provincia, Michele De Pascale che nella conferenza Unificata hanno approvato il Decreto e ci hanno affiancato in questo percorso. Un grande grazie deve andare poi alla consigliera regionale Manuela Rontini e il senatore Stefano Collina. Ora ci metteremo al lavoro per coinvolgere tanti soggetti e costruire proposte, individuando il modo migliore per mettere a valore le risorse assegnateci e ridare a Faenza uno dei suoi simboli più cari”.

“Una bellissima notizia!- esordisce a caldo una felicissima Manuela Rontini, consigliera regionale e promotrice insieme all’ex sindaco Giovanni Malpezzi e al Movimento 5 Stelle di una lettera al Presidente del Consiglio Conte e al Ministro Franceschini proprio per segnalare il caso della ex Colonia di Castel Raniero - Quando, durante la campagna elettorale per le regionali, invitai e poi accompagnai il Ministro Franceschini a visitare la Colonia, credo di averci visto giusto: ero certa che anche lui si sarebbe innamorato di un bene comune che è nel cuore di tanti faentini. Lo ringrazio davvero, a nome di tutte le persone con cui abbiamo lavorato in questi mesi per arrivare al risultato: è una bella giornata per la nostra città!”

Per l’assessore Massimo Bosi, in rappresentanza del Movimento 5 Stelle di Faenza “siamo particolarmente felici per aver contribuito a quelle sollecitazioni a livello locale e parlamentare che hanno stimolato e dato avvio al percorso che si è rivelato decisivo. Ora il nostro compito sarà quello di continuare a coinvolgere tutto coloro che in questi anni si sono dedicati con tanta passione alla causa della Colonia e vederla finalmente tornata al suo splendore”.

Il complesso, costituito da un edificio monumentale in stile Liberty e dal parco di sette ettari che lo circonda, ha origine nel 1922, data in cui la municipalità faentina deliberò la costruzione di un monumento ai Caduti della Prima Guerra mondiale. Grazie all’iniziativa di raccolta fondi di un Comitato che raggruppava le locali associazioni di mutilati e reduci (in cui entrò anche il Comune di Faenza che stanziò la non trascurabile somma di 50mila lire, precedentemente destinati alla costruzione del monumento ai caduti della Grande Guerra), nel 1925 nacque l’idea di creare un monumento in grado di svolgere anche una preziosa opera di pubblica utilità. Da qui la scelta di costruire una colonia elioterapica per i bimbi “bisognosi di sole e di luce”, quindi gli “scrofolosi e i pellagrosi” e tutti i vari malnutriti dell'epoca, in particolare per gli orfani di guerra, presenti in gran numero nella comunità di allora. Il progetto venne affidato al giovane ingegnere comunale Giovanni Antenore che nel 1928 elaborò la stesura definitiva, che associava materiali moderni e funzionali (mattoni industriali e cemento armato) con un disegno classico riesumante echi ravennati-bizantini, soprattutto nella torretta centrale con elegante altana a loggette. Anche le dimensioni sono monumentali: 44 m in lunghezza per 18 in larghezza per 27 di altezza. Le enormi camerate interne avevano una capacità di 120 posti letto. Completata l’opera, l’inaugurazione avvenne nel 1935. Nel 1944 vi furono trasferiti quasi tutti i reparti dell'Ospedale Civile di Faenza che, dopo i bombardamenti di maggio, era divenuto oltremodo insicuro. Ancora oggi, come raccontato da testimoni dell’epoca, vi è chi si reca a rendere omaggio a questo luogo perché vi è nato o ricoverato e curato durante quegli anni terribili. Anche da questi fatti si percepisce il ‘debito di riconoscenza’ che la comunità locale nutre nei confronti di questo edificio, il quale, oltre al ruolo sociale come colonia estiva per bambini, svolse anche il compito di salvare vite umane in quel doloroso 1944. Dagli anni Sessanta l’edificio riprese la sua funzione di colonia estiva per bambini che durò fino agli anni Ottanta, quando la struttura fu dichiarata inagibile.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

  • Drammatico ritrovamento in casa: a fianco del divano bruciato il corpo senza vita di una donna

Torna su
RavennaToday è in caricamento