Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Cotignola

Da Cotignola a Vinci nel nome di Leonardo: firmato il patto di amicizia tra le due città

Il legame deriva da Muzio Attendolo, signore di Cotignola e capostipite degli Sforza, dinastia sotto la cui protezione Leonardo visse gli anni più fertili della sua vita di artista

Venerdì una delegazione del comune di Cotignola, costituita dal sindaco Luca Piovaccari, dal vice sindaco Pier Luca Baldini, dall’artista cotignolese Enzo Babini e da alcuni membri dell’associazione Amici del Cenacolo, si è recata a Vinci, in provincia di Firenze, città famosa nel mondo per aver dato i natali al genio Leonardo. Il gruppo è stato ricevuto in Municipio dal sindaco di Vinci Giuseppe Torchia e dal vice sindaco con delega alle politiche culturali Sara Iallorenzi. 

Il legame che unisce le due città è descritto nella pergamena dell’Amicizia, firmata dai primi cittadini: “Nel nome di Leonardo le comunità di Cotignola e Vinci si incontrano oggi per rafforzare il legame che le unisce. Il Comune di Cotignola ha partecipato alle celebrazioni del genio vinciano nel cinquecentenario della sua morte, avendo dato i natali a Muzio Attendolo, capostipite della dinastia Sforza e signore di Cotignola, progenitore di Ludovico Sforza, detto il Moro, che governò Milano dal 1480 al 1499 e sotto la cui protezione Leonardo visse gli anni più fertili della sua vita di artista, ingegnere e scienziato. Fu proprio Ludovico il Moro a conferire a Cotignola il titolo di Città nel 1495 e a commissionare a Leonardo l’Ultima Cena, dove l’artista dipinse le mele cotogne, da cui traggono origine il nome di Cotignola e il simbolo di Francesco I e dell’intera famiglia Sforza.”

La pergamena è stata realizzata dal maestro Enzo Babini, il quale ha anche donato all’amministrazione vinciana un’opera in terracotta dedicata al genio. La giornata è proseguita con la visita del suggestivo borgo medievale e del Museo Leonardiano, ospitato nel castello dei Conti Guidi.

“Abbiamo partecipato nel 2019 alle celebrazioni del cinquecentenario della morte di Leonardo, organizzando una conferenza in collaborazione con la Fondazione Pedretti, aderendo al circuito delle sette città leonardiane in Romagna e inviando una medaglia celebrativa realizzata dal maestro Babini alle città vinciane. Ora l’auspicio è che questo incontro possa essere l’inizio di una bella collaborazione tra le nostre città. Abbiamo apprezzato lo sforzo che sta facendo l’amministrazione di Vinci per rinnovare il mito di Leonardo in chiave contemporanea, coinvolgendo importanti artisti internazionali. L’esperienza maturata da Cotignola in questi anni sull’arte contemporanea può sicuramente essere una chiave importante per favorire un proficuo scambio culturale”. ha dichiarato il sindaco di Cotignola Luca Piovaccari.

“Con la firma su questa pergamena abbiamo sancito il rapporto di amicizia che lega la città di Cotignola a quella di Vinci – ha dichiarato il sindaco Giuseppe Torchia - Un legame che ci consentirà di intraprendere nuove strade nello studio di Leonardo e nel rapporto delle sue arti con quelle contemporanee. Già da diversi anni il Comune di Vinci è impegnato nello sviluppo di nuove forme di fruizione dei suoi beni storico-artistici, investendo nell’innovazione tecnologica e nella cultura. Siamo sicuri che la collaborazione con il Comune di Cotignola sarà proficua e porterà alla realizzazione di iniziative comuni, con l’obiettivo di valorizzare ulteriormente il patrimonio leonardiano e il suo messaggio universale”.

museo leonardiano OK-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Cotignola a Vinci nel nome di Leonardo: firmato il patto di amicizia tra le due città

RavennaToday è in caricamento