Dagli Usa all'Inghilterra fino alla Svizzera: il 'viaggio' del meteorologo di Bagnacavallo

Giovanni Leoncini, quarantanove anni, dal 1999 ha iniziato la sua esperienza all’estero dopo la laurea in Fisica all’Università di Bologna

Un nuovo incontro del progetto "Bagnacavallo nel mondo" si è tenuto nella mattinata di sabato nella sala Giunta del Comune, dove l’amministrazione ha accolto, assieme ai rappresentanti dell’associazione Amici di Neresheim, Giovanni Leoncini, cittadino bagnacavallese che da tempo vive all’estero. Per il Comune erano presenti il sindaco Eleonora Proni, il vicesindaco Ada Sangiorgi e l’assessore Caterina Corzani, per l’associazione il presidente Gabriella Foschini con Annalisa Cortesi e Francesco Ravagli. L’incontro è stato un momento di confronto sulle diverse culture che l’ospite ha avuto modo di sperimentare da vicino nel corso degli ultimi ventun anni.

Giovanni Leoncini, quarantanove anni, dal 1999 ha iniziato la sua esperienza all’estero dopo la laurea in Fisica all’Università di Bologna. "In seguito alle attività svolte durante il servizio civile presso Arpae – ha raccontato – mi sono avvicinato alle tematiche dell’inquinamento atmosferico e, per svolgere un master in California, ho iniziato i miei spostamenti che sono sempre stati caratterizzati da un’unica certezza: quella di partire, perché non sapevo mai quanto sarebbe durata la mia esperienza in un determinato luogo. Questo mi ha sempre permesso di integrarmi maggiormente nelle varie realtà in cui ho abitato".

Al termine degli studi in California, dove ha conosciuto la moglie María José, insegnante spagnola, Leoncini si è poi spostato per un dottorato in Colorado dove ha abitato fino al maggio 2007. Ha poi vissuto cinque anni in Inghilterra e nel 2012 si è trasferito in Svizzera. Dati i diversi ambienti che ha frequentato, le grandi differenze sociali e culturali che ha affrontato sono sempre state motivo di crescita personale, "perché mi hanno portato – sottolinea – a mettermi continuamente in discussione sforzandomi di comprendere punti di vista lontani gli uni dagli altri".

Attualmente vive a Zurigo dove assieme alla famiglia ha costruito una buona rete amicale: "Qui abbiamo trovato una nostra dimensione e mi sento di affermare che sarà il luogo definitivo in cui vivremo con nostro figlio Alessandro di undici anni". In Svizzera Leoncini lavora come meteorologo in una società assicurativa, dove si occupa di valutare l’accuratezza della stima dei danni dovuti ai fenomeni meteorologici. Con il tempo il suo ruolo e la sua attività si sono modificati passando dalla sola valutazione allo studio e allo sviluppo di strumenti utili a diversi settori della ditta. L’interessante dialogo si è concluso con una breve riflessione sulla differenza durante il periodo di emergenza epidemiologica tra Italia e Svizzera, dove il lockdown è stato vissuto in maniera più distesa in quanto c’era maggiore possibilità di circolazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’associazione dei gemellaggi Amici di Neresheim ha tra i propri scopi quello di mantenere vivi i rapporti con i numerosi bagnacavallesi che per i più svariati motivi vivono all'estero. Per questo ha creato la pagina Facebook Bagnacavallo nel mondo e da circa tre anni organizza, insieme all’Amministrazione comunale, incontri con i bagnacavallesi lontani quando ritornano in città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento