Daigoro Timoncini torna dalle Olimpiadi e trova il "comitato di benvenuto"

Una sorpresa inaspettata e silenziosamente preparata per dire «Grazie Daigoro!». Nella mattinata di sabato una delegazione di amici, famigliari e parenti hanno incontrato il campione

Una sorpresa inaspettata e silenziosamente preparata per dire «Grazie Daigoro!». Nella mattinata di sabato una delegazione di amici, famigliari e parenti, guidata dal primo cittadino riolese Alfonso Nicolardi e dall'assessore all'istruzione di Faenza Simona Sangiorgi ha voluto salutare il rientro dalla terza Olimpiade disputata del campione di lotta greco-romana Daigoro Timoncini.
Una pattuglia di affiatati sostenitori si è ritrovata presso la palestra Lucchesi di Faenza da dove è partita in direzione dell'abitazione del campione.

Ignaro della sorpresa Daigoro è uscito dalla sua casa manfreda visibilmente provato dal lungo viaggio di ritorno ma non ha mancato di ringraziare e abbracciare gli intervenuti con partecipazione e riconoscenza. Foto di rito, qualche autografo e tanti complimenti per l'ennesimo e non scontato traguardo raggiunto dallo sportivo di origini riolesi si sono susseguiti all'abbraccio che le due città hanno voluto portare allo stesso Daigoro. «Con questa sorpresa - ha commentato il sindaco di Riolo Terme, Alfonso Nicolardi - abbiamo pensato di dover e voler dimostrare a Daigoro tutto l'affetto che nutriamo per lui. Lo abbiamo voluto fare proprio al suo arrivo dalla sua terza avventura olimpica. Sarebbe stato facile farlo in caso di un risultato da medaglia - continua il primo cittadino collinare - ma a maggior ragione crediamo che sia ancora più significativo in questo caso fargli sentire che gli siamo vicini e che siamo molto fieri del nostro campione. Grazie Daigoro!».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche l’Associazione sportiva disabili Faenza è a fianco di Daigoro Timoncini al suo rientro dalle Olimpiadi 2016. Prima di partire per Rio l’atleta romagnolo ha realizzato una maglietta, a ricordo della sua 3° esperienza olimpica, e ha deciso di dedicarla alle persone con disabilità che fanno sport. Con la t-shit #DaigoRio, Timoncini ha scelto di sostenere le attività dell’Associazione sportiva disabili di Faenza.  “Daigoro Timoncini è un atleta di cuore -afferma l'Asdd- non solo per l’impegno nell’inseguire il sogno di Rio 2016, ma anche per la sua determinazione nel promuovere la pratica sportiva rivolta a bambini e adulti con disabilità. Questo gesto dimostra come Daigoro abbia saputo raccogliere e interpretare lo spirito olimpico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

  • A 26 anni 'sfida' il Covid e apre una pizzeria: "Faremo una pizza 'diversamente napoletana'"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento