rotate-mobile
Cronaca

Dante sbarca in America con i "fedeli d'amore" di Marco Martinelli ed Ermanna Montanari

La coppia ravennate ha portato laboratori e spettacoli nelle città di Philadelphia e New York attravereso il progetto "Dante nei cinque continenti"

Sono state Philadelphia e New York le due città americane toccate in gennaio dal progetto Dante nei cinque continenti, iniziativa con cui Marco Martinelli e Ermanna Montanari si prefiggono di portare il Poeta e la sua opera nel mondo con l'intento di “formare una polis che, forse, proprio nel teatro può ritrovare, oggi, una vocazione pubblica”.

A Philadelphia Martinelli e Montanari sono stati ospiti dell’Università della Pennsylvania/dipartimento di Italianistica e dell'Anneberg Center con una serie di lezioni e seminari su Dante e la poetica della compagnia. Il loro fedeli d'amore, polittico in sette quadri per Dante Alighieri - musica di Luigi Ceccarelli con Montanari (voce) per la quarta volta premio Ubu miglior attrice proprio per questo lavoro, Simone Marzocchi (tromba), testo di Martinelli - è stato proposto nell'ambio del programma dell'Annenberg "Penn live arts".

"La prima settimana passata a Philadelphia è stata ricchissima ed emozionante - raccontano i due direttori artistici - ed è trascorsa tra workshop, incontri e un'unione profonda con il pubblico attraverso le due serate di fedeli d'amore". Un'esperienza raccontata anche da Mauro Calcagno in un'intervista su Penn Today, in cui il professore ha affermato: "È stata una pratica immersiva. Quando sei in uno degli spettacoli delle Albe ti ritrovi in un altro mondo: loro non si limitano a mettere in scena un'opera o a leggere a voce alta un testo che conosci, ma fanno davvero qualcosa di speciale". 

A New York Martinelli e Montanari, oltre allo spettacolo fedeli d’Amore e a un laboratorio a tema dantesco a La MaMa Theatre, uno dei palchi più importanti per la sperimentazione e l’avanguardia nel teatro contemporaneo internazionale, hanno portato incontri e proiezioni all'Istituto italiano di Cultura e a Casa Italiana Zerilli Marimò/NYU. Scrivendo di loro su lavocedinewyork.com, Alessandro Cassin ha osservato che: "Il Teatro Delle Albe è una delle più influenti compagnie di teatro contemporaneo. Sono stati acclamati in tutto il mondo per la loro modalità di approccio alla letteratura, al teatro e alla tecnica vocale".

Rispetto all'esibizione di Ermanna Montanari, Carmen Burbridge, sulla testata on-line www.allaboutsolo.com ha scritto: "Ha un talento eccezionale poiché è riuscita a doppiare tanti personaggi distinti. La sua gamma di espressioni vocali è impressionante. Riesce a dare voce in modo convincente a tutte queste entità disumane (...) ad esempio, la sua voce roca e tintinnante per la nebbia cattura la visione immaginata di una voce di nebbia. E questa voce è del tutto diversa da quella dell'asino che Montanari suona nel terzo pannello, mentre raglia e calpesta il palco. Oltre alla sua imponente presenza vocale, fa un ottimo lavoro nell'incarnare fisicamente i personaggi. È in grado di trasformarsi con successo, anche stando dietro un leggìo per la maggior parte del pezzo. Quando si sposta, la sua fisicità è ancora più avvincente. Mi ha fatto desiderare che potesse essere libera di prendere il controllo del palco per l'intero spettacolo, invece di stare dietro il leggìo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dante sbarca in America con i "fedeli d'amore" di Marco Martinelli ed Ermanna Montanari

RavennaToday è in caricamento