Dantedì: le parole della Commedia indicano la speranza e il futuro

Tanti studiosi e artisti danno voce ai versi del Poeta: da Virgionio Gazzolo a Santo Piazzese, da Simona Perrone a Sandro Lombardi

Dante2021, il festival dedicato alla figura e all'opera di Dante che da dieci anni si svolge a Ravenna, è tra i promotori del Dantedì, individuato nel 25 marzo, possibile giorno d'inizio del viaggio ultramondano del Poeta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per celebrare questa speciale giornata sono in rete sul sito www.dante2021.it le letture di amici, studiosi, artisti, giornalisti che hanno voluto testimoniare, attraverso Dante, in questi giorni dolorosi e pieni di turbamenti, le ragioni della speranza e del futuro. Insieme a Francesco Sabatini, presidente onorario dell'Accademia della Crusca, sono stati scelti in particolare i versi iniziali e finali dell'Inferno. Dante2021 si associa all'Accademia della Crusca, che collabora al festival con la sua direzione scientifica, che lancia oggi forti iniziative per il Dantedì collegate a questi versi (www.accademiadellacrusca.it).
Sono presenti le voci e le immagini, tra gli altri, di attori come Virginio Gazzolo, Sandro Lombardi, Enrico Bonavera, Amerigo Fontani, di studiosi come Stefano Carrai, Lorenzo Renzi, Claudio Ciociola,Emanuele Banfi, Ugo Vignuzzi, Franco Zabagli, di storici dell’arte come Cristina Acidini e Giovanni Curatola, di scrittori come Marco Vichi e Santo Piazzese, di artisti come Lorenzo e Simona Perrone.
 
Il direttore di Dante2021, Domenico De Martino ricorda: “Dante continua a insegnarci a credere nel futuro, a contrastare quello “stato di miseria” (status miseriae – sono le sue parole) con cui la nostra specie, con la sua fragilità, deve sempre fare i conti. E oggi lo sappiamo bene – e drammaticamente.  Ma con Dante, che ci aspetta sempre nel futuro, possiamo frequentare appunto quel futuro, quella speranza, alzando gli occhi verso quelle stelle che ci guardano da lassù”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

Torna su
RavennaToday è in caricamento