rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca Solarolo

Solarolo, lieve aumento della popolazione: le donne superano gli uomini

A determinare la lieve crescita della popolazione solarolese nel 2015 è stato il dato dell’immigrazione, come da trend degli ultimi due decenni

Risultano in leggero aumento gli abitanti di Solarolo nel corso del 2015. Al 31 dicembre dello scorso anno, infatti, i residenti nel territorio comunale sono 4488, per l’esattezza 15 di più rispetto allo stesso giorno dell’anno precedente. Come da tendenza mondiale consolidata, le femmine risultano più numerose dei maschi: 2324 contro 2164. A determinare la lieve crescita della popolazione solarolese nel 2015 è stato il dato dell’immigrazione, come da trend degli ultimi due decenni.

L’anno scorso 154 immigrati hanno scelto Solarolo come propria cittadina di residenza (121 provenienti da altri Comuni, 31 dal’estero e 2 altri iscritti), a fronte di 132 emigrati (104 in altro Comune e 11 all’estero), con un saldo positivo di +22. Ciò compensa anche il dato negativo dei nati-morti, altra tendenza ormai consolidata degli ultimi anni. Nel 2015 all’anagrafe di Solarolo sono stati registrati 35 nuovi nati (15 maschi e 20 femmine), a fronte di 42 decessi (20 maschi e 22 femmine). Al 31 dicembre 2015, il numero di stranieri residenti è di 630, con una marcata differenza fra femmine (350) e maschi (280).

Infine, sempre per quanto concerne l’anagrafica, è interessante sapere che a Solarolo funziona già bene il progetto “Una scelta in Comune”, che permette a chi richiede o rinnova la propria carta d’identità di esprimere il proprio consenso o diniego alla donazione degli organi, firmando un semplice modulo. Negli ultimi tre mesi del 2015, ovvero da quando a Solarolo è partita l’iniziativa, 20 persone hanno firmato il modulo per la dichiarazione; di questi, 19 hanno dato consenso alla donazione degli organi e una persona l’ha negato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Solarolo, lieve aumento della popolazione: le donne superano gli uomini

RavennaToday è in caricamento