Dopo l'ennesima lite confessa anni di violenza: il marito violento finisce in carcere

I Carabinieri di Faenza hanno arrestato un 44enne di nazionalità marocchina in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere

E' accusato di aver picchiato la moglie al culmine dell'ennesima lite. I Carabinieri di Faenza hanno arrestato un 44enne di nazionalità marocchina in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Vittima delle violenze una connazionale di quattro anni più giovane. La donna stanca delle violenze fisiche e psicologiche alla quale era sottoposta, durante l'ennesima lite, avvenuta lo scorso gennaio, anche su consiglio di un faentino, che l'aveva fatta rifugiare in un portone per toglierla dalle grinfie del marito violento, ha trovato la forza di raccontare tutto ai carabinieri.

Ai militari la donna ha raccontato che il marito diventava particolarmente violento soprattutto quando rincasava dopo aver alzato il gomito. Numerosi gli episodi di violenza raccontati. A novembre del 2017, nel corso di una lite, l'uomo aveva mollato un ceffone così violento che la donna, quando il giorno dopo si era rivolta all'ospedale di Imola per farsi controllare un orecchio dolorante i medici le avevano riscontrato una perforazione del timpano. La 40enne in quell'occasione aveva raccontato di aver perso l'equilibrio cadendo dalle scale. Episodi successivi si erano poi ripetuti sempre più frequentemente negli ultimi due anni.

Secondo quanto riferito, una volta era stata picchiata dal marito nei pressi della scuole delle figlie, entrambi minorenni, senza che nessuno fermasse la furia dell'uomo mentre più recentemente per strada era stata aggredita verbalmente dal marito. In quell'occasione, provvidenziale l'intervento di un passante, un legale, che aveva fatto rifugiare la 40enne all'interno di un condominio. Era stato proprio il professionista che aveva dato una mano all'uomo che ascoltato per primo il racconto della donna a convincerla a rivolgersi ai Carabinieri.

Davanti a loro la 40enne ha fatto un resoconto delle violenze e delle angherie. Partita l'attività di indagine e ottenuti diversi riscontri i militari dell'Arma hanno trasmesso gli atti in Procura che nei giorni scorsi ha emesso un provvedimento di custodia cautelare in carcere per il 44enne per i reati di violenza. I Carabinieri della principale hanno rintracciato l'uomo associandolo al carcere di Port'Aurea di Ravenna in attesa della decisione del giudice per le indagini preliminari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Cade mentre lavora al porto e si frattura il cranio: operaio in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento