menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga nascosta nei parchi vicino ai giochi dei bimbi: il cane Ziko fiuta i nascondigli

"La tua droga? E' vicino all'altalena": i giochi dei bimbi servivano a fare da punto di riferimento per indicare dove era nascosto lo stupefacente

"La tua droga? E' vicino all'altalena". Un'operazione di bonifica dei parchi cittadini, frequentati dai bambini, è stata messa a segno mercoledì sera dalla Polizia locale manfreda. Gli uomini del Comandante Talenti, al parco Mita e a quello adiacente a piazza San Francesco, hanno scoperto oltre dieci nascondigli dove erano occultate dosi di sostanze stupefacenti. I nascondigli erano a ridosso anche dei giochi dei bimbi, posti nei parchi dall'amministrazione comunale.

La strategia degli spacciatori attualmente, per evitare guai, sarebbe quella di nascondere le dosi seppellondole in punti diversi dei parchi e indicare poi al cliente, dopo il pagamento, il luogo dove andare a recuperare lo stupefacente. I giochi dei bimbi servivano a fare da punto di riferimento per indicare dove era nascosta la droga. "Star" della serata è stato Ziko, un pastore tedesco grigione di due anni che costituisce l’unità cinofila del Comando di Polizia locale di Riccione. Ziko è infaticabile, intuitivo, di indole non aggressiva e ben equilibrato. Il cane insieme al suo inseparabile conduttore, l’agente Luca Biagini della Polizia locale di Riccione, mercoledì sera è venuto in ausilio ai colleghi di Faenza. L’apparizione improvvisa di Ziko è stata accolta con grande entusiasmo dai bimbi faentini presenti nei parchi che, a fine lavoro, lo hanno voluto ricompensare con carezze e coccole, ribattezzandolo “lupo” per il suo aspetto.

Molto meno apprezzata la presenza di Ziko, invece, da parte di alcuni cittadini extracomunitari presenti in zona che, dopo essere stati identificati, sono risultati avere diversi precedenti per il commercio di sostanze stupefacenti: uno di loro è stato trovato con addosso anche una dose di droga, per cui a suo carico è partita la segnalazione alla prefettura in qualità di consumatore. All’operazione hanno partecipato, in ausilio alla Polizia locale, anche i volontari dell’associazione nazionale carabinieri di Faenza, che erano tra coloro che avevano segnalato la cosa ai vigili faentini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento