Due strumenti 'top di gamma' per migliorare la terapia intensiva donati all'ospedale

Le due strumentazioni allestite su colonne mobili permetteranno di realizzare tale monitoraggio al letto del paziente ovunque in ospedale

Martedì mattina una nuova donazione dell’associazione “Cuore e Territorio” è pervenuta all’ospedale di Ravenna per fronteggiare al meglio la nuova ondata di Covid-19: si tratta di due monitor multiparametrici, che renderanno possibile un ulteriore miglioramento della qualità delle cure dei pazienti con problematiche cliniche acute, in questo momento di recrudescenza dei contagi da Covid-19. I monitor Nihon Kohden donati, top di gamma sul palcoscenico mondiale, permetteranno l’implementazione di standard di monitoraggio avanzati delle funzioni vitali proprie degli ambienti di terapia intensiva.

Le due strumentazioni allestite su colonne mobili permetteranno di realizzare tale monitoraggio al letto del paziente ovunque in ospedale, contribuendo a realizzare “letti di terapia intensiva” aggiuntivi rispetto a quelli previsti dalla pianificazione standard. Alla cerimonia di donazione erano presenti il direttore medico del Presidio Ospedaliero di Ravenna, Paolo Tarlazzi, il dott. Crippa, il dott. Fusari, il presidente dell’Associazione Cuore e Territorio, Giovanni Morgese, e l’editore del quotidiano online Ravenna24ore, sostenitore dell’iniziativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Il Coronavirus strappa alla vita un 50enne: 130 nuovi casi nel ravennate

  • Critiche sui social all'attrice lughese scelta da Gucci

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Ci mette 'Anema e core' e apre una pizzeria napoletana: "E' la mia passione da sempre"

Torna su
RavennaToday è in caricamento