menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

È incostituzionale vietare l’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo, Baroncini: "Soddisfazione per il pronunciamento della Consulta"

In questi giorni è in corso la modifica del ‘decreto sicurezza’ con la decisione del Governo di ripristinare l’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo che consentirà a loro di poter accedere a diversi servizi, tra i quali le cure sanitarie

È incostituzionale vietare l’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo. Lo ha stabilito ieri la Corte costituzionale in merito al decreto sicurezza, voluto dall'allora ministro dell'Interno Matteo Salvini, perché in contrasto con la Costituzione. "Apprendiamo con soddisfazione che, come da noi sostenuto la Consulta riconosce che è incostituzionale negare l'iscrizione all'anagrafe dei richiedenti asilo - afferma l’assessore l’Anagrafe Gianandrea Baroncini -. Avevamo ragione, ha vinto la Costituzione. La sentenza ribadisce il fondamento del nostro pensiero e le nostre azioni dei mesi scorsi. Ritengo sia un passo avanti importante, un passo di civiltà”.

La Consulta ha dichiarato per questo aspetto del ‘decreto sicurezza’ l'incostituzionalità in violazione dell'articolo 3 della Costituzione sotto un duplice profilo: per irrazionalità intrinseca, poiché la norma censurata non agevola il perseguimento delle finalità di controllo del territorio dichiarate dal decreto sicurezza; per irragionevole disparità di trattamento, perché rende ingiustificatamente più difficile ai richiedenti asilo l'accesso ai servizi che siano anche ad essi garantiti. Proprio in questi giorni è in corso la modifica del ‘decreto sicurezza’ con la decisione del Governo di ripristinare l’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo che consentirà a loro di poter accedere a diversi servizi, tra i quali le cure sanitarie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento