'Effetto Corinaldo': dopo la tragedia si intensificano i controlli nelle discoteche

E’ stata anche richiamata l’attenzione sulle misure di sicurezza e sui dispositivi di intervento in caso di situazioni che richiedano l’evacuazione dei locali

A pochi giorni dalla tragedia avvenuta all’interno della discoteca di Corinaldo, il tema della sicurezza dei locali pubblici ha portato a un’approfondita riflessione svoltasi nell’ambito dell’incontro, presieduto dal Prefetto, tenutosi venerdì mattina in Prefettura, al quale hanno partecipato, oltre al Questore, i rappresentanti delle associazioni di categoria della Confesercenti, Confcommercio, Silb e Assointrattenimento.

Il confronto ha evidenziato come la collaborazione di tutte le componenti pubbliche e private a vario titolo interessate a garantire la sicurezza all’interno dei locali di pubblico intrattenimento costituisca un elemento imprescindibile delle strategie di prevenzione di condotte pericolose, illegali o che, comunque, possano pregiudicare il regolare svolgimento delle serate o degli eventi. E’ stata rilevata la fattiva collaborazione e la sensibilità delle associazioni di categoria e degli operatori del settore, testimoniata inoltre dall’ampia adesione al Protocollo d’intesa per la sicurezza delle discoteche sottoscritto il 13 luglio - collaborazione volta a individuare e definire schemi di prassi e di comportamenti virtuosi integrati e adattati alla nostra realtà territoriale incline a contribuire alla diffusione della cultura della legalità e della sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le varie iniziative proposte è stata condivisa l’opportunità di intensificare all’interno dei locali le campagne informative e di sensibilizzazione rivolte alla clientela soprattutto giovanile, al fine di orientarla verso forme di divertimento e stili di comportamento sani e di favorire, laddove richiesto, gli interventi degli addetti alla sicurezza ed eventualmente delle forze di polizia. E’ stata anche richiamata l’attenzione sulle misure di sicurezza e sui dispositivi di intervento in caso di situazioni che richiedano l’evacuazione dei locali. Le forze di polizia continueranno nei consueti servizi di controllo rivolti anche a dissuadere l’organizzazione di eventi occasionali senza le prescritte autorizzazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Schianto all'incrocio con un camion: anziano in ospedale in condizioni gravissime

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

Torna su
RavennaToday è in caricamento