rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca Centro / Via Fiume Abbandonato

Ravenna rende omaggio a Elsa Morante gli intitola una piazza

Venerdì la nuova piazza fra via Einstein e via Fiume Montone Abbandonato, a Borgo Montone, assumerà ufficialmente la denominazione di piazza Elsa Morante

Il Comune e il Centro Relazioni Culturali di Ravenna rendono omaggio a Elsa Morante (1912 – 1985) scrittrice, saggista, poetessa e traduttrice, una delle massime voci femminili del Novecento, con un doppio appuntamento in programma venerdì. Alle 15 la nuova piazza fra via Einstein e via Fiume Montone Abbandonato, a Borgo Montone, assumerà ufficialmente la denominazione di piazza Elsa Morante. Saranno presenti alla cerimonia il sindaco Fabrizio Matteucci, l’assessora alla Cultura Ouidad Bakkali, il presidente del comitato cittadino di Borgo Montone Ottaviano Rossi.

“Appassionata autrice di romanzi e poesie che hanno oggi la grandezza dei classici – si legge nella targa che sarà scoperta durante la cerimonia - perché vanno al fondo dei problemi e degli interrogativi che ci avvincono”. La targa contiene anche una citazione della stessa Morante: “Il mio intento è stato di esprimere la realtà delle cose, non quale essa appare alla superficie, ma nella sua profonda verità.

Alle 18 alla sala D’Attorre di via Ponte Marino 2, nell’ambito del 42° ciclo di incontri letterari del Centro Relazioni Culturali, Marco Bardini dell’Università di Pisa presenterà il suo volume “Elsa Morante e il cinema” (ETS ed.) conversando con Caterina Sansoni, dottoranda dell’Università di Strasburgo. Bardini ha sapientemente indagato un filone di ricerca poco conosciuto della Morante, il suo stretto rapporto con il cinema, portando alla luce le eccellenti doti di sceneggiatrice, soggettista, consulente musicale, aiuto-regista e critica cinematografica.

Il suo rapporto con il cinema non era determinato solo dalla trasposizione di alcuni suoi romanzi e racconti, bensì testimonianze dirette hanno permesso di affermare la sua pluridecennale passione per il cinema. La Morante infatti conosceva numerosi attori e registi, tra i quali si ricordano Visconti, Pasolini, Bertolucci, Anna Magnani, Laura Betti, Zeffirelli, Carmelo Bene, Carlo Cecchi, con i quali scambiava consigli e suggerimenti. Capitolo dopo capitolo, Bardini si sofferma su aneddoti e memorie dei protagonisti, facendo emergere le molteplici sfaccettature che hanno reso unica la figura di Elsa Morante.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ravenna rende omaggio a Elsa Morante gli intitola una piazza

RavennaToday è in caricamento