menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Muore in sella alla sua moto, il dolce ricordo del figlio: "Troverà altre montagne dove riposare"

Liverani era nato il 16 novembre del 1960 ed era un grande appassionato di tutte le attività che ruotano attorno alla montagna, dall'escursionismo allo sci, passando per il canottaggio

E' un triste giorno per la comunità di Brisighella dopo la morte di Enrico Liverani, il motociclista che mercoledì sera ha perso la vita in un tragico incidente a Barbiano di Cotignola. Il 58enne è deceduto in un doppio schianto sulla provinciale Felisio, restando intrappolato sotto un'auto che ha preso fuoco. Il personale del 118 non ha potuto fare altro che constatarne il decesso.

Liverani era nato il 16 novembre del 1960 ed era un grande appassionato di tutte le attività che ruotano attorno alla montagna, dall'escursionismo allo sci, passando per il canottaggio. Passioni che ha trasmesso anche al figlio Alessandro, conosciuto da tutti come 'Allo'. Ed è proprio il 29enne che, attraverso il profilo Facebook del padre, lascia un commovente ricordo del 58enne. "Non siate tristi per me, chi decide queste cose forse ha pensato che c'era bisogno di me da qualche altra parte - si legge in un post firmato da Alessandro sul profilo di Enrico - Troverò sicuramente montagne inesplorate dove riposare, vi porterò sempre nei miei ricordi. Ho trovato il mio sentiero. Un abbraccio. Vi avrebbe salutato cosi... Non mollare mai".

L'incidente

Intorno alle 20 di mercoledì sera il motociclista, a bordo di una moto Kawasaki Versys, percorreva via Corriera da Faenza verso Bagnacavallo. Giunto all'incrocio con via Madonna di Genova, il 58enne si è schiantato con una Fiat Panda che si immetteva da via Madonna di Genova in direzione Faenza. Nel violento impatto il centauro è scivolato nella corsia opposta, dove stava arrivando una Citroen C3 con a bordo una donna e il figlio 18enne. La moto ha sbattuto contro l'auto e Liverani è rimasto incastrato sotto l'abitacolo del veicolo, che ha preso fuoco. L'uomo è stato liberato da alcuni automobilisti di passaggio e soccorso in brevissimo tempo dal personale del 118 giunto sul posto con ambulanza e auto medica, ma non c'è stato nulla da fare: i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Il 18enne e la madre a bordo della C3, fortunatamente, sono riusciti a uscire dall'auto prima che venisse avvolta dalle fiamme. Sul posto anche i Vigili del fuoco di Lugo e la Polizia locale della Bassa Romagna, la strada è stata chiusa nel tratto interessato dall'incidente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento