Era ricercato dal 2013: scoperto e arrestato dopo una discussione in stazione

E' stato notato da un poliziotto proprio perché, alla vista della volante, si è defilato dal gruppo e ha cercato di nascondersi dietro alcune siepi

Dal 2013 sfuggiva all'arresto per spaccio di droga disposto dal gip di Ravenna. Adesso però il 27enne tunisino è stato arrestato dalla polizia durante un servizio di controllo ordinario nei pressi della stazione centrale di Palermo.

Ad attirare l’attenzione degli agenti un gruppo di extracomunitari che discuteva animatamente. Uno di loro è stato notato da un poliziotto proprio perché, alla vista della volante, si è defilato dal gruppo e ha cercato di nascondersi dietro alcune siepi. Una volta fermato il ragazzo ha fornito false generalità, ma i successivi controlli presso l'ufficio Immigrazione della Questura hanno permesso di identificarlo. Si trattava proprio del 27enne in relazione al quale c’era un procedimento penale pendente per un giro di spaccio di cocaina ed eroina a Ravenna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tunisino è stato arrestato e ora gli investigatori dovranno accertare come e dove abbia trascorso gli ultimi anni e se qualcuno lo abbia aiutato nella sua latitanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Schianto all'incrocio tra un'auto e un bus con a bordo i passeggeri

  • Colpiti da un'auto mentre vanno in bici: due ciclisti in ospedale

  • Staff a contatto con un soggetto a rischio Coronavirus: il sushi chiude

  • Pulizie accurate e addio buffet: per hotel e camping "questo sarà un anno da dimenticare in fretta"

  • La dura scelta controcorrente del barista: "Il bar è la mia vita, ma riaprire vorrebbe dire fallire"

Torna su
RavennaToday è in caricamento