rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca Russi / Via Isonzo

Esplosione durante una saldatura, due feriti: gravissimo un 63enne

La dinamica dell'episodio è al vaglio ai Carabinieri della stazione di Russi, che hanno proceduto ai rilievi di legge

Stavano cercando di riparare un aspiratore, quando si è innescata un'esplosione. E' di due feriti, di cui uno in gravissime condizioni, il bilancio di un incidente avvenuto nel primo pomeriggio di venerdì in un'abitazione in via Isonzo, a San Pancrazio. La dinamica dell'episodio è al vaglio ai Carabinieri della stazione di Russi, che hanno proceduto ai rilievi di legge. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il proprietario dell'abitazione, 63enne, aveva chiesto all'amico, 61enne, di aiutarlo a saldare un aspiratore nel capanno che si trova nel giardino di casa.

I due, appassionati di fai da te, stavano tentando di riparare la perdita di un aspiratore d'olio, oggetto metallico della dimensione di un cestino. Dopo avere usato compressore e saldatrice, stavano rifinendo con la smerigliatrice: ma quelle operazioni devono avere aumentato la temperatura dei gas ancora all'interno e di conseguenza la pressione che ha provocato l'esplosione. Il fondo distaccatosi dall'aspiratore ha quindi centrato di netto il 63enne scaraventandolo a terra.

Esplosione durante la saldatura (Foto M.Argnani)

Quest'ultimo è stato colpito al bacino da un pezzo di lamiera. Immediata la richiesta d'intervento. Sul posto hanno operato i sanitari del 118 con due ambulanze e l'elimedica decollata da Ravenna. Dopo esser stato stabilizzato, il 63enne è stato trasportato in condizioni critiche al trauma center dell'ospedale "Maurizio Bufalini" di Cesena. Meno gravi le condizioni dell'altro ferito, che non ha mai perso conoscenza, trasportato al "Santa Maria delle Croci" di Ravenna. Presenti anche i Vigili del Fuoco, che hanno provveduto alla messa in sicurezza dell'aspiratore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosione durante una saldatura, due feriti: gravissimo un 63enne

RavennaToday è in caricamento