Estate in Bassa Romagna: si torna in piscina con tante novità

Cambio di guida alla piscina comunale di Lugo, dove si riapre un "angolo di mare in città" con tre vasche e un ampio prato in cui rilassarsi

Tempo di ripartenza anche per la Piscina Comunale di Lugo che proprio sabato 6 giugno riaprirà i battenti tornando a disposizione di tutti i cittadini del territorio. Si torna in acqua dopo tanti mesi di chiusura dell’intero impianto a causa dell’emergenza Covid-19 e alla riapertura dei battenti saranno diverse le novità, prima delle quali il cambio di gestione della struttura, tuttora di proprietà del Comune di Lugo. Dopo quasi trent’anni la cooperativa Co.Pro.Sport che gestiva la piscina dai primi anni ’90 ha ceduto il posto alla Spo.Ra - Sport Ravennate, società nata proprio per seguire la gestione dell’impianto lughese.

Sabato 6 giugno dalle ore 9.30 del mattino si aprono i cancelli di accesso alla Piscina di Lugo che anche per l’estate 2020 potrà fare affidamento su una clientela numerosa e affezionata che da anni ha individuato l’impianto come punto di riferimento e comoda alternativa al litorale marittimo. Una sorta di "angolo di mare in città" per gli abitanti del territorio della Bassa Romagna che potranno trascorrere piacevoli giornate di sole nel parco fornito di tre vasche, una da 25 metri con acqua riscaldata, una con scivoli e una con idromassaggio, per un totale di 800 metri quadrati di acqua, senza dimenticare i 5mila mq di prato. Inoltre, una delle vasche della struttura al coperto rimarrà a disposizione per il nuoto in caso di maltempo. L’impianto sarà aperto fino a settembre dalle ore 9.30 alle 21.00 nei giorni feriali e fino alle ore 20.00 nei giorni festivi.

"Subentrare in un impianto così importante per il territorio del Comune di Lugo e di quelli circostanti – spiega Davide Gilli, presidente di Spo.Ra – è per noi motivo di orgoglio, ma allo stesso tempo rappresenta uno stimolo costante a impegnarci a fondo. La piscina di Lugo vanta una storia prestigiosa alle spalle e noi vogliamo ora essere parte attiva del suo futuro. Si tratta di una struttura che nel corso dei decenni ha accolto nelle sue vasche migliaia di romagnoli e che per molti è ben più di un semplice impianto sportivo. Gestiremo al meglio delle nostre possibilità una struttura alla quale, giustamente, l’Amministrazione comunale di Lugo tiene in maniera particolare, cercando di soddisfare le tante aspettative che si sono venute a creare in questi mesi anche a causa di un lungo periodo di inattività forzata".

"La riapertura della piscina – dice Davide Ranalli, sindaco di Lugo – rappresenta l’ulteriore segnale di un lento, ma progressivo, ritorno alla normalità. Poter tornare a vivere gli spazi che caratterizzano i momenti di vita sociale di una comunità è importante e ci consente di guardare al futuro con ottimismo. La piscina di Lugo, in questo contesto, è da sempre un contenitore di storie, racconti ed esperienze che fanno parte del bagaglio culturale e ricreativo della città, oltre ad essere un luogo dove le società hanno fatto la storia sportiva con dirigenti e atleti di ottimo livello. Desidero salutare e ringraziare Co.Pro.Sport con la quale la nostra amministrazione comunale ha collaborato negli anni passati e fare un grosso in bocca al lupo alla nuova società subentrata nella gestione dell’impianto. La piscina comunale - conclude Ranalli - è una struttura importante per la città, alla quale non mancheremo di prestare grande attenzione anche in futuro nel contesto dell’intera area sportiva circostante".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per rispettare tutte le normative e le linee guida studiate per contrastare la diffusione del Covid-19, in questa fase sono stati previsti percorsi obbligati di accesso e uscita differenti fra loro, in maniera da evitare assembramenti. Fino a nuove indicazioni da parte delle autorità competenti sarà obbligatorio l’uso della mascherina nelle aree all’aperto ove risulti impossibile il rispetto del distanziamento sociale. Anche negli spogliatoi bisognerà poi rispettare alcune semplici regole e le doverose attenzioni igienico-sanitarie, inoltre non sarà consentito a nessuno di abbandonare indumenti al di fuori delle sacche personali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento