Relazione omosessuale, 22enne ricatta un anziano con un video: arrestato

Inizialmente la relazione si è sviluppata normalmente, poi hanno iniziato a fare capolino le richieste di denaro, prima come supplica per far fronte a difficoltà economiche sue e della famiglia

La relazione omosessuale si era presto trasformata in un inferno fatto di ricatti e continue richieste di denaro. Dopo aver pagato migliaia di euro in più riprese, la vittima alla fine ha trovato il coraggio di andare dai carabinieri per chiedere loro di essere liberato da questo peso ormai opprimente. La disavventura ha visto come protagonista un uomo ultrasessantenne di Ravenna, che lo scorso gennaio aveva avviato una relazione – prima virtuale su internet e poi reale – con un 22enne senegalese conosciuto su una chat online.

Inizialmente la relazione si è sviluppata normalmente, poi hanno iniziato a fare capolino le richieste di denaro, prima come supplica per far fronte a difficoltà economiche sue e della famiglia. La vittima cede e inizia a donare dei soldi, che man mano diventano sempre di più, con richieste sempre più minacciose e ricattatorie. Il 22enne, infatti, avrebbe iniziato a paventare di rendere pubblica la relazione, ricattando l'anziano e minacciandolo di coprirlo di vergogna agli occhi della sua famiglia, dal momento che la relazione era “clandestina”. “C'è della gente che alla fine si suicida per la vergogna”, gli avrebbe detto all'ennesima richiesta di denaro, che nel frattempo veniva elargito quasi come una paga mensile di circa mille euro, con continui le sempre più aggressivi litigi. Sarebbe stati girati anche dei video di incontri sessuali, per rendere più convincente la minaccia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari della compagnia di Ravenna, dopo aver raccolto informazioni in merito (e verificato, tra l'altro, che il senegalese lavora come operaio in un'azienda e quindi non aveva neanche particolari necessità di soldi dovute ad indigenza), hanno fatto scattare il blitz. All'ultimo incontro per la consegna del denaro sono così tintinnate le manette ai polsi del 22enne, che è stato arrestato con l'accusa di estorsione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Coronavirus, si aggiorna la lista dei contagiati: altri casi per contatti familiari

  • Finisce con le ruote nello scavo del cantiere stradale e si schianta contro un escavatore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento