Ex Acquasirius, dopo l'ordinanza tutto tace: "Il sindaco provveda subito alla bonifica"

Era il 18 aprile quando de Pascale firmava un’ordinanza per la messa in sicurezza e il ripristino del decoro dell’area denominata Acquasirius a Lido Adriano - ordinanza che, peraltro, seguiva quella del 2014, caduta nel vuoto

Era il 18 aprile quando il sindaco de Pascale firmava un’ordinanza per la messa in sicurezza e il ripristino del decoro dell’area denominata Acquasirius a Lido Adriano - ordinanza che, peraltro, seguiva quella del 2014, caduta nel vuoto. Il sindaco all’epoca aveva dichiarato che in caso di inottemperanza da parte della proprietà sarebbe stato il Comune di Ravenna a procedere senza indugio e ad addebitare, poi, le spese dell’intervento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Da allora sono passati ben 4 mesi e mezzo, ma la situazione non è cambiata - lamenta la capogruppo della lista La Pigna Veronica Verlicchi - Ci chiediamo come mai de Pascale non abbia dato seguito a quanto previsto dalla sua ordinanza. Eppure la situazione dell’area Acquasirius é molto preoccupante. L’acqua stagnante, raccolta nelle due vasche un tempo adibite a piscine, crea seri pericoli igienico-sanitari. Inoltre, la struttura degradata e pericolante dell’acqua scivolo deve essere rimossa al più presto. Anche la recinzione esterna deve essere ripristinata e tutta la relativa segnaletica deve essere posizionata in maniera visibile sull’intero perimetro dell’area. Per non parlare dell’erba e della vegetazione nata spontaneamente che preoccupano fortemente i residenti, in quanto sono fonti di proliferazione di topi, bisce e zanzare. Il tempo limite imposto dall’ordinanza e fissato in 30 giorni é abbondantemente scaduto. De Pascale deve intervenire immediatamente per riportare alla decenza una situazione che da troppi anni vessa la località turistica di Lido Adriano e che certamente non contribuisce a renderla piacevole agli occhi dei turisti che la frequentano. A questo, poi, si aggiungano gli scarichi abusivi di materiali ingombranti, ormai quotidianamente documentati da residenti solerti i cui reclami restano sistematicamente inascoltati. Per contrastare questo fenomeno di inciviltà abbiamo chiesto di installare fototrappole su tutto il territorio interessato. Ad oggi, però, non si é visto ancora alcun intervento. Lido Adriano da anni ormai è lasciata sola a se stessa e non sembra interessare al sindaco e all’assessore al turismo il fatto che sia l’unico dei nostri nove lidi che ha registrato un segno positivo nella stagione balneare che va a concludersi. Noi insistiamo perché si intervenga sull’Acquasirius e, al contempo, si pianifichino interventi mirati che possano riportare Lido Adriano al suo naturale splendore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento