Cronaca

Demolita l'ex caserma Alighieri: "Entro l'estate diventerà il quarto parco della città"

Durante il cantiere viene svolto anche un importante approfondimento archeologico sulle potenzialità dell'area, data la sua posizione strategica all'interno della città

Dopo le operazioni di bonifica dell’amianto svolte nell'estate scorsa, sono iniziati nelle settimane scorse i lavori di demolizione degli edifici all'interno dell'area dell'ex caserma Dante Alighieri in via Nino Bixio. Il progetto prevede la rimozione dell’asfalto e del cemento che ricoprono interamente l’area, abbattendo la quasi totalità degli edifici una volta utilizzati dai militari e privi di valore storico-culturale, per destinare l'area a parco pubblico, rigenerando l’intero comparto di proprietà comunale grazie anche al contributo vinto con il bando della Regione Emilia-Romagna per il progetto strategico “Ravenna Rigenera”.

"E' uno dei luoghi che in questi anni sta cambiando in maniera più radicale - spiega il sindaco Michele de Pascale - Da circa un decennio l'ex caserma è chiusa e abbandonata. Questa consiliatura ha lavorato tantissimo perchè diventi un parco pubblico, ne abbiamo ottenuto la proprietà, abbiamo vinto un bando regionale che aggiunge al milione e mezzo stanziato dal Comune un milione e mezzo stanziato dalla Regione. Sono state completate tutte le demolizioni e ora siamo alla desigillazione dell'area, quindi dall'asfalto torniamo alla permeabilità del terreno. Presto partiranno i lavori per la vera e propria realizzazione del parco, dei percorsi e dell'illuminazione pubblica: entro l'estate questo sarà il quarto grande parco della città, per una città che vuol essere sempre più verde, vivibile, in cui i cittadini si riappropriano dei loro luoghi e di spazi della città".

Si tratta di un’operazione cosiddetta di desigillatura, in linea con gli obiettivi di riduzione delle superfici impermeabilizzate nelle aree urbane, da sostituire con aree verdi, al fine di migliorare anche il microclima e la qualità dell’aria delle zone limitrofe. I lavori, per loro natura, comportano inevitabilmente alcuni disagi alla cittadinanza nelle aree limitrofe al cantiere, in particolare dal punto di vista dell’impatto acustico, ma si sta cercando di minimizzarli al massimo con opportuni accorgimenti di cantiere. L'amministrazione ha invitato i cittadini a essere comprensivi, in funzione dell’importante obiettivo da raggiungere e atteso da lungo tempo, ovvero la restituzione alla popolazione di una parte di città inaccessibile da lunghissimo tempo. Durante il cantiere viene svolto anche un importante approfondimento archeologico sulle potenzialità dell'area, data la sua posizione strategica all'interno della città.

caserma_1-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Demolita l'ex caserma Alighieri: "Entro l'estate diventerà il quarto parco della città"

RavennaToday è in caricamento