Faenza, inaugurato un defibrillatore al centro commerciale "La Filanda"

La rete di defibrillatori e la formazione del personale sul territorio si sta ampliando grazie al lavoro degli istruttori “Blsd” del Progetto Pad Emilia Romagna

Sabato scorso allo Shopping Center “La Filanda” è stato inaugurato il nuovo defibrillatore alla presenza del sindaco Giovanni Malpezzi, due referenti territoriali di Faenza e Lugo: Anna Lusa e Katia Cocchi e gli istruttori “Blsd” del Progetto Pad Emilia Romagna. Il dispositivo è situato in cima alle rampe mobili dell’ingresso principale, in modo da essere raggiungibile con la massima velocità e rapidità in caso di malori cardiaci improvvisi. Il dispositivo medico consente al personale opportunamente formato di intervenire in autonomia e di effettuare la defibrillazione del cuore in maniera sicura, dal momento che è dotato di sensori per riconoscere l’arresto cardiaco.

Durante l'orario di apertura de “La Filanda” è garantita la presenza di almeno un addetto formato, così da poter essere in grado di intervenire in caso di necessità. "Il tema della prevenzione cardiaca sta diventando un aspetto su cui sensibilizzare la cittadinanza - afferma Anna Lusa referente territoriale di Faenza -. E’ davvero importante poter garantire cure mediche immediate nei luoghi di vita e socializzazione". “Il defibrillatore è uno strumento estremamente importante, un investimento che abbiamo fatto con molta convinzione e consapevolezza, considerate il numero sempre crescente di persone che visitano lo Shopping Center", spiega il direttore del Montefiore, Luca Pancaldi.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rete di defibrillatori e la formazione del personale sul territorio si sta ampliando grazie al lavoro degli istruttori “Blsd” del Progetto Pad Emilia Romagna, che dal ’99 portano avanti il progetto che riguarda la formazione del personale laico non sanitario alle manovre di rianimazione cardio polmonare e disostruzione delle vie aeree. I risultati dimostrano come la campagna di sensibilizzazione stia dando i propri frutti: ad oggi in tutta la provincia di Ravenna sono 3mila le persone formate e 300 i defibrillatori installati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento