Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Razzismo in Tribunale, l'avvocato scrive 'negro' sul fascicolo: "Una barbarie"

Un avvocato è finito al centro delle polemiche sui social dopo che Roberto Riverso, ex giudice del lavoro a Ravenna, ha condiviso una foto di un fascicolo sul quale, a caratteri cubitali, si legge la parola "negro"

Una parola di sole cinque lettere, ma pesante come un macigno. Un avvocato del foro di Forlì è finito al centro delle polemiche sui social dopo che Roberto Riverso, ex giudice del lavoro a Ravenna, ha condiviso una foto di un fascicolo sul quale, a caratteri cubitali, si legge la parola "negro".

"L’avvocato si presenta oggi in udienza davanti al Gup e al Pm del Tribunale di Ravenna ed esibisce un fascicolo sul quale identifica la propria controparte (l’imputato di colore) non con le sue generalità ma chiamandola negro - spiega Riverso - E qui devo sospirare profondamente. Perché le parole vengono meno... Non è la commissione di un crimine o di un illecito disciplinare che vengono in mente; ma la confessione dell’estraneità di questo soggetto alla civiltà del diritto. Una barbarie. Che denuncia una regressione a uno stadio pregiuridico. Commessa da uno che si definisce avvocato. Una cosa inimmaginabile. Fino a oggi".

La foto è subito diventata virale, con i commenti indignati di tanti. C'è anche chi si augura che possa essersi trattato di un equivoco: "È possibile che Negro sia il cognome?", domanda una persona a Riverso. "No, purtroppo ho oscurato io i nomi delle parti per evitare inutili clamori", replica lui, che spiega di aver già segnalato l'episodio all'ordine degli avvocati.

"Un tal avvocato o chi per lui ha scritto sul fascicolo della causa che sta seguendo la parola “negro”per definire la sua controparte. Anzi, “NEGRO” in maiuscolo. Un’enormità! - commenta indignano Charles Tchameni Tchienga, presidente della onlus 'Il terzo mondo' - Se questa notizia di matrice razzista fosse confermata, sarebbe un autogol senza precedenti, con l'aggravante che il fatto sia accaduto in un tribunale, luogo per eccellenza dell'uguaglianza e del rispetto dei principi dei valori della dignità unama. Ringrazio il Giudice Roberto Riverso, sempre molto sensibile e attento nel contrastare queste enormità, per la sua prontezza nel denunciare l'accaduto.  Qualora questo macabro e deplorevole episodio fosse veritiero, mi auguro che rimanga un caso isolato, anche perché è in gioco l'onore della giurisprudenza italiana".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Razzismo in Tribunale, l'avvocato scrive 'negro' sul fascicolo: "Una barbarie"

RavennaToday è in caricamento