Fase due, Bonaccini: "Prudenza o tra qualche settimana dovremo richiudere"

"In Emilia-Romagna domenica si vedeva tanta più gente in giro, sia al mare, sia in Appennino, pur potendo circolare solo all'interno della regione"

"Contando sui consigli di chi ha le competenze si è deciso, insieme, governo e regioni, di provare a riaprire il paese: dobbiamo però ricordare a tutti che bisogna mantenere il distanziamento, l'uso della mascherina e continuare ad avere prudenza; siccome una quota di rischio c'è, non vorrei trovarmi tra qualche settimana o mese a dover richiudere ciò che con tanti sacrifici abbiamo aperto". E' quanto ha detto il presidente della regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini a proposito della riapertura, ospite di 'Centocittà' su Radiouno.

"Stiamo correndo i rischi - ha detto Bonaccini - di una situazione per cui il virus non sarà sconfitto finché non ci sarà il vaccino. Ma sono rischi molti più bassi rispetto a quando ho messo, per l'Emilia-Romagna, restrizioni più incisive che nel resto d'Italia". Dal governatore segnali di speranza per il turismo: "Spero che vada meglio di quello che potevamo temere. In Emilia-Romagna domenica si vedeva tanta più gente in giro, sia al mare, sia in Appennino, pur potendo circolare solo all'interno della regione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

Torna su
RavennaToday è in caricamento