rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca

Festa dell'Arma 2022, il resoconto di un anno: violenza sulle donne in aumento, sventato un femminicidio

L’Arma dei Carabinieri lunedì ha festeggiato il 208esimo Annuale della propria fondazione, tradizionalmente fissata per ricordare la data nella quale, nel 1920, fu concessa alla bandiera dell’Arma la prima Medaglia d’Oro al Valor Militare

L’Arma dei Carabinieri lunedì ha festeggiato il 208esimo Annuale della propria fondazione, tradizionalmente fissata per ricordare la data nella quale, nel 1920, fu concessa alla bandiera dell’Arma la prima Medaglia d’Oro al Valor Militare per l’eroica partecipazione alla Prima Guerra mondiale. Bandiera che, a tutt’oggi, rimane la più decorata delle Forze Armate italiane. La fondazione dell’Arma risale, però, al 13 luglio 1814, quando il Re Vittorio Emanuele I, con Regie Patenti, costituì i Carabinieri Reali, un Corpo di militari: “…per buona condotta e saviezza distinti…” che, oltre a contribuire alla difesa dello Stato in tempo di guerra, erano “…specialmente incaricati di vegliare alla conservazione della pubblica e privata sicurezza…” in tempo di pace. Una duplice funzione che i Carabinieri conservano tuttora: la difesa dello Stato in qualità di Forza Armata e la difesa dei cittadini, come Forza di Polizia.

La celebrazione è avvenuta alle 10,30 nel cortile della Caserma “Giovanni Frignani", sede del Comando Provinciale di Ravenna. Alla cerimonia hanno partecipato le Autorità civili, religiose e militari, nonché le rappresentanze delle sezioni provinciali delle Associazioni Nazionali Carabinieri e Forestali, oltre al personale in servizio con i rispettivi familiari. Durante la cerimonia sono state consegnate ricompense ai militari dell’Arma distintisi in attività di servizio.

Carabinieri in festa per il 208esimo annuale della fondazione (foto M.Argnani)

Il Comandante provinciale, nel suo discorso, ha illustrato le attività dell'arma tra il 1 luglio 2021 e il 31 maggio 2022: "Nel periodo di riferimento è stato notato un innalzamento dei reati “codice rosso” o di violenza di genere, forse a causa della pandemia, aumentati di oltre il 26% (con 279 casi). La sensibilità dell’istituzione per perseguire tali crimini si rileva attraverso la qualificazione del personale nel sostegno delle persone coinvolte e nella capacità d’ascolto. Tra i casi seguiti e di più ampio risalto ricordo un recente episodio in cui, grazie alla professionalità ed empatia il personale della Stazione di Brisighella e del Nucleo Investigativo, si è riusciti a cogliere i sintomi di un latente disagio nel racconto di una donna, percependo la gravità della situazione e avviando immediate attività investigative di concerto con l’Autorità giudiziaria, che hanno consentito l’arresto dell’ex marito ed evitato così un ennesimo femminicidio. I servizi antidroga svolti hanno permesso di arrestare 48 persone, denunciarne 52 e segnalarne alla prefettura 157, contestualmente sono stati sequestrati oltre 23 chili di varie sostanze stupefacenti".

"Tuttavia i reati contro il patrimonio sono quelli che maggiormente incidono sul senso della sicurezza reale, ma soprattutto quella percepita che di fatto condizionano poi le scelte dei singoli e della collettività - continua - In tale quadro sono state 59 le persone arrestate e 291 le persone denunciate in stato di libertà per furti e rapine perpetrati. Numerosi purtroppo gli episodi in cui vengono tratte in inganno persone vulnerabili con la cosiddetta "truffa di finti operatori" che, simulando situazioni di pericolo, riescono a intaccare la fiducia e si intrufolano nelle case asportando non solo denaro, ma quanto di più caro si possa avere, o le truffe informatiche che sempre più vedono l’utilizzo di siti di compravendita online quale luogo virtuale per sottrarre denaro al malcapitato. In tutto ciò sono sempre più numerose le azioni di contrasto che alla fine giungono al perseguimento dei rei. Non ultimo ma legato alla sensazione di libertà ritrovata è il costante monitoraggio, soprattutto nei weekend e nei periodi estivi, delle zone della "movida" sia nelle aree del litorale che nei centri cittadini, affinché momenti di svago e di convivialità non si tramutino in situazioni di degrado ed occasione di aggressività. Nel complesso l’Arma ha tratto in arresto 368 soggetti, nonché segnalato in stato di libertà 2808 persone, operando sul territorio con 24.775 pattuglie che hanno controllato 87.065 veicoli e identificato 123.930 persone".

I militari premiati

“Tenente Colonnello Francescopaolo PETRELLI, Luogotenente Vladimiro PORTULANO, Maresciallo Capo Domenico GRILLO, Maresciallo Massimiliano MANCA, Appuntato Scelto Qualifica Speciale Luigi MARRA e Appuntato Enrico FEDELE, encomio del Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna”.

“Comandante di Reparto Operativo di Comando Provinciale e addetti al Nucleo Investigativo del Reparto Operativo, evidenziando spiccate capacità professionali, elevato senso del dovere e non comune acume investigativo, svolgevano complessa attività di indagine sul fenomeno dei furti in danno di sportelli bancomat. L’operazione consentiva di trarre in arresto 8 soggetti, colpiti da misura cautelare. Province di foggia, Ravenna, Rimini, Forli’–Cesena e Modena, gennaio 2020 - gennaio 2021”.

“Luogotenente Alessandro PIETROSANTI, Maresciallo Capo Luca CERBERA, Maresciallo Capo Fernando IODICE, Maresciallo Capo Domenico GRILLO, Brigadiere Giuseppe Giovanni SANFILIPPO, Vice Brigadiere Giorgio DELLE MONACHE, encomio del Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna” “addetti a Nucleo Investigativo di Comando Provinciale, dando prova di elevata professionalità, non comune senso del dovere e spiccato spirito di iniziativa, fornivano determinante contributo ad articolata attività di indagine che consentiva di sottoporre a fermo di indiziato di delitto l’autore di un efferato omicidio. Ravenna e provincia, ottobre 2018 – maggio 2019”.

“Appuntato Scelto Qualifica Speciale Massimo SCALABERNI, Carabiniere Scelto Daniele PRIZZI e Carabiniere Scelto Aniello RUSSO, encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna” “Comandante e addetti di Sezione Radiomobile di Nucleo di Compagnia capoluogo evidenziando elevata professionalità, spiccato intuito investigativo e non comune spirito di servizio, svolgevano articolata attività d’indagine concernente la coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti. L’operazione si concludeva con l’arresto del responsabile ed il sequestro di oltre 23 chilogrammi di droga. Ravenna, ottobre 2019 – agosto 2020”.

“Luogotenente Carica Speciale Giovanni MAIORANA e Maresciallo Capo Marco ZOLEO, encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna” “Comandante e addetto a stazione capoluogo, dando prova di elevatissima professionalità, spiccato acume investigativo e spirito di sacrificio, svolgevano complessa attività di indagine che consentiva di identificare i responsabili della commissione di truffe e furti ai danni di anziani. L’operazione si concludeva con l’arresto di due persone ed il recupero di gran parte dei proventi dell’attività delittuosa. Ravenna e provincia, aprile – luglio 2019”. 

“Luogotenente Alessandro PIETROSANTI, Maresciallo Capo Luca CERBERA, Maresciallo Capo Domenico GRILLO, Brigadiere Capo Qualifica Speciale Fernando MARGARITO e Appuntato Scelto Matteo DRAGONETTI” “Luogotenente Alessandro PIETROSANTI, encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri Sicilia” “Comandante di Stazione operante in territorio caratterizzato da elevato indice di criminalità, evidenziando elevata professionalità, alto senso del dovere e pregevole, intuito investigativo, forniva determinante contributo ad un’indagine nei confronti di un sodalizio criminale dedito alla commissione di diversi delitti scaturiti dalla compravendita illecita di loculi cimiteriali che si concludeva con l’esecuzione di una misura cautelare a carico di 5 persone responsabili di associazione per delinquere finalizzata alle truffe, violazione di sepolcro, vilipendio, occultamento, distruzione e soppressione di cadavere ed altri gravi reati. Monreale (pa), novembre 2017 – settembre 2017”.

“Maresciallo Capo Luca CERBERA, encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri Calabria” “Addetto a stazione distaccata in territorio caratterizzato da altissimo indice di criminalità’ organizzata, evidenziando elevata professionalità, abnegazione e spiccato intuito investigativo, forniva determinante contributo ad articolata indagine sullo spaccio di sostanze stupefacenti, che si concludeva con l’arresto di 9 persone ed il sequestro di 1,4 kg di marijuana. San Demetrio Corone (CS), agosto 2016 – gennaio 2017”.

“Maresciallo Capo Domenico GRILLO, encomio del Comandante Interregionale Vittorio Veneto” “Addetto a Nucleo Investigativo di Comando Provinciale, evidenziando spiccata iniziativa e ferma determinazione, non esitava ad affrontare due malviventi che, armati di taglierino, stavano perpetrando una rapina in un istituto di credito, riuscendo, al termine di una colluttazione, a trarre in arresto uno dei responsabili. L’intervento si concludeva con il fermo del complice ed il recupero dell’intera refurtiva. Ravenna 14 - 16 marzo 2019”

“Brigadiere Capo Qualifica Speciale Fernando MARGARITO, elogio del Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna” “Addetto a Nucleo Investigativo di Comando Provinciale, sorretto da straordinarie spinte motivazionali e incondizionata dedizione al servizio, ha svolto l’incarico devoluto con eccezionale entusiasmo elevata competenza e profondo senso del dovere, distinguendosi per costante lodevole comportamento ed elevato rendimento in servizio, in particolar modo nella gestione delle attività investigative concernenti i reati in danno delle fasce più deboli, contribuendo così ad esaltare il prestigio dell’istituzione. Ravenna, 1° gennaio 2019 – 21 novembre 2021”

“Appuntato Scelto Matteo DRAGONETTI, encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna” “Addetto a Nucleo Investigativo di Comando Provinciale, evidenziando spiccate doti professionali, perseverante impegno ed elevato spirito di sacrificio, forniva determinante contributo a complessa attività di indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale responsabile di spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione si concludeva con l’arresto di 26 persone, il deferimento in stato di libertà di altri 50 correi, il sequestro di un considerevole quantitativo di droga e la confisca di beni mobili e immobili per un valore complessivo di oltre un milione di euro. Province di Reggio Emilia, Milano, Bergamo, Cremona, Modena e Parma, novembre 2016 – giugno 2018”.

“Brigadiere (in congedo) Valeriano SAVINI, concessione di Medaglia di Bronzo al valor civile del Presidente della Repubblica” “Libero dal servizio, interveniva sul luogo di un’esplosione di una bombola di gas all’interno di un chiosco che aveva provocato il ferimento di quattro persone e un incendio con danni ai chioschi vicini. Straordinario esempio di umana solidarietà e di elevate virtu’ civiche. Codigoro, 8 giungo 2014”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa dell'Arma 2022, il resoconto di un anno: violenza sulle donne in aumento, sventato un femminicidio

RavennaToday è in caricamento