Fibra ottica ultraveloce, continua il piano di cablaggio in città e nei lidi

Condomini, uffici e aziende di Ravenna saranno collegati a una rete di elevata qualità, in linea con gli obiettivi dell'Agenda Digitale Europea, e velocizzeranno così il processo di digitalizzazione

La banda ultra larga sta arrivando nelle case e negli uffici dei ravennati: in molte aree della città sono ripresi i lavori di Open Fiber, la società che sta realizzando in tutto il Paese una nuova infrastruttura, interamente in fibra ottica, in modalità FTTH (Fiber To The Home), che abilita velocità di connessione fino a 1 gigabit per secondo. I cantieri per posare la fibra ultraveloce sono aperti nei quartieri Darsena, a Lido Adriano e a Punta Marina, e proprio in questi giorni sono cominciati gli interventi di infrastrutturazione anche nel Quartiere San Rocco e nelle aree Poggi-Stradone e Cesarea-Galilei. 

Grazie alla convenzione siglata da Open Fiber e Comune di Ravenna, condomini, uffici e aziende di Ravenna saranno collegati a una rete di elevata qualità, in linea con gli obiettivi dell'Agenda Digitale Europea, e velocizzeranno così il processo di digitalizzazione, semplificando e migliorando le relazioni fra cittadini e pubblica amministrazione e aumentando la produttività e la competitività delle imprese. L'azienda sta investendo a Ravenna oltre 20 milioni di euro per cablare circa 58mila unità immobiliari attraverso 300 chilometri di rete. Open Fiber sta procedendo con le modalità di scavo e ripristino per la posa della fibra ottica, come previsto dal decreto ministeriale del 2013 ad esclusione delle aree di interesse storico-culturale, dove saranno invece utilizzate tecniche ad hoc. Ove possibile si utilizzano cavidotti e infrastrutture di rete sotterranee già esistenti per limitare il più possibile l’impatto degli scavi sul territorio e gli eventuali disagi per la comunità.

A seguito dei suoi interventi di scavo, Open Fiber effettua prima un ripristino provvisorio necessario per l’assestamento del terreno, caratterizzato da una striscia di malta rosa cementizia, e poi esegue il ripristino definitivo del manto stradale come previsto dalle autorizzazioni allo scavo rilasciate dall’Amministrazione Comunale. Le operazioni di ripristino finora effettuate a Ravenna sono relative solo agli interventi provvisori, finalizzati prevalentemente a prevenire pericoli per la circolazione; da norme tecniche, non è possibile procedere con gli interventi di riqualificazione definitiva quando le temperature sono tipicamente invernali e fino a quando il fondo stradale non si consolidi correttamente; nel mese di marzo, non appena il clima più mite lo consentirà, partiranno dalle località balneari (Lido Adriano,Punta Marina ecc) per poi proseguire gradualmente in tutta la città, le riasfaltature delle strade già interessate dall’installazione della rete a banda ultra larga.

L’intervento di Open Fiber per il cablaggio della città non prevede costi per l’Amministrazione Comunale, e quindi nemmeno per i cittadini di Ravenna, che grazie alla fibra ultra veloce di Open Fiber potranno beneficiare di una connessione rapida, sicura e a prova di futuro. La società, partecipata al 50% da Enel e al 50% da Cassa depositi e prestiti, è un operatore wholesale only, non fornisce servizi al cliente finale ma realizza la rete e offre l’accesso a tutti gli operatori telefonici interessati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

  • Precipita in un canalone con la mountan bike: attimi di terrore per un ravennate

Torna su
RavennaToday è in caricamento