menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Il figlio di Salvini sulla moto d'acqua della Polizia, la Questura avvia un accertamento

Sul caso scoppia la bufera politica con numerosi politici che si sono scagliati contro Salvini e contro l'uso "per svago" del figlio minorenne del ministro di un mezzo della Polizia

Un video pubblicato sul portale online de "La Repubblica" ritrae il figlio sedicenne del ministro dell’Interno Matteo Salvini mentre sale su una moto d’acqua della Polizia di Stato e fa un giro davanti alla spiaggia di Milano Marittima. Il videomaker che ha filmato la scena sarebbe stato ostacolato secondo quanto riportato dal quotidiano online nazionale da alcuni uomini: "Non metterci in difficoltà, è un mezzo della Polizia", avrebbero detto. Dopo un'ulteriore richiesta di spiegazioni, gli uomini, che si sono presentati come poliziotti, gli hanno chiesto i documenti. "È per una questione di privacy", avrebbero riferito. Omettendo che il ragazzino fosse il figlio di Salvini.  "E' in corso un accertamento per verificare se ci sia stato un uso improprio di mezzi dell'amministrazione", riferiscono fonti della questura di Ravenna.

Sul caso scoppia la bufera politica con numerosi politici che si sono scagliati contro Salvini e contro l'uso "per svago" del figlio minorenne del ministro di un mezzo della Polizia. Commenta il deputato romagnolo dem Marco Di Maio: "Circola un video girato a Milano Marittima in cui una moto d'acqua della Polizia di Stato viene utilizzata (con alla guida un poliziotto) per far divertire un ragazzo, che sarebbe il figlio del ministro dell'Interno. E del resto non è usuale vedere un ragazzino salire sulla moto con un poliziotto per fare un giro sul mare..Spero che Matteo Salvini sia in grado di smentire questa circostanza, da cittadino spero che non sia vero; mi auguro anche che le intimidazioni fatte a chi stava riprendendo la cosa in una spiaggia pubblica, siano false. Perchè se tutto fosse confermato, sarebbe di una gravità inaudita". "La Polizia non appartiene al ministro di turno, non è a disposizione dei sollazzi della sua famiglia: se tutto fosse confermato così, il ministro dovrebbe lasciare il suo incarico perchè non in grado di garantire l'autonomia della Polizia e dei corpi dello Stato che sono alle sue dipendenze", conclude il parlamentare forlivese.

"Proprio nel giorno in cui il Capo della Polizia denuncia le carenze strutturali di organico e delle difficolta' che ci saranno nei prossimi anni, ecco la notizia dal parco divertimenti del ministro dell'interno - afferma Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana -. Siamo davvero curiosi di sapere- prosegue l'esponente della sinistra- come andra' finire questa bravata. Da cui emerge, al di la' del giretto sulle moto d'acqua che dovrebbero servire alla sicurezza pubblica, pure l'atteggiamento inaccettabile degli operatori di polizia nei confronti del giornalista che ha filmato la scena. Ci auguriamo che gli accertamenti della questura di Ravenna siano celeri ed efficaci e che i provvedimenti non guardino in faccia a nessuno, neanche se saranno coinvolti uomini della scorta del ministro dell'Interno". Dalla Questura di Ravenna filtra che è partito un accertamento sull'episodio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento