menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finti appalti e corsi di formazione: evasione per oltre un milione, maxi multe e denunce

Le verifiche sono state avviate a seguito di una segnalazione dove veniva denunciato un articolato sistema di concorrenza sleale

Il personale dell’Ispettorato del Lavoro di Ravenna, insieme al personale di vigilanza della sede Inps di Ravenna, ha accertato un’evasione previdenziale e sgravi contributivi non dovuti nell’ambito di complesse verifiche che hanno interessato varie imprese operanti nel settore del facchinaggio e degli imballaggi industriali - sparse nella provincia di Ravenna e anche in altre province emiliano-romagnole.

Le verifiche sono state avviate a seguito di una segnalazione dove veniva denunciato un articolato sistema di concorrenza sleale - tramite finti contratti di appalto - e di abbattimento dei necessari oneri previdenziali e della sicurezza dei lavoratori. Gli approfondimenti ispettivi hanno fatto emergere un vero e proprio meccanismo fraudolento, tramite il quale un’impresa stipulava finti contratti di appalto con aziende campane per erogare servizi di imballaggio/facchinaggio, ma nei fatti tali contratti servivano solo a ricevere manodopera a basso costo e ad aggirare le ritenute contributive.

Gli ispettori hanno accertato, nel periodo dal 2015 al 2018, che ai lavoratori somministrati e che lavoravano esclusivamente all’interno dei capannoni venivano corrisposte finte trasferte – esenti da contribuzione – per compensare ore di straordinario che, in questo modo, non venivano denunciate. Gli accertamenti hanno permesso di constatare, ancora, che l’ulteriore riduzione del costo del lavoro veniva realizzata attraverso fittizi corsi di formazione che, nei fatti, i lavoratori non svolgevano.

Nelle fasi delle ispezioni è stata rilevata anche l’occupazione di un lavoratore in nero e di un lavoratore con una finta partita Iva. Inoltre, gli ispettori hanno verificato che l’impresa beneficiava anche dell’esonero contributivo previsto per le nuove assunzioni, quest’ultime fatte in violazione delle norme fondamentali in materia di lavoro e della previdenza obbligatoria. Nei fatti la società percepiva indebitamente sgravi contributivi non dovuti pari a 53.000 euro.

Sono state verificate 50 posizioni lavorative, con un'evasione contributiva pari a 1.200.000 euro, e sono state elevate sanzioni pari a 45.000 euro. Per alcuni fatti accertati i trasgressori sono stati anche dalla Procura della Repubblica di Ravenna e Bologna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento