Le scuse per i disagi non bastano più: i pendolari manifestano in Regione

Diversi i problemi sul tavolo: alcuni pendolari chiedono il ripristino dei treni veloci del pomeriggio da Bologna a Lugo, altri di Godo e Classe il ripristino delle fermate soppresse

Stanchi dei (frequenti) disagi, i pendolari dell'Emilia-Romagna hanno organizzato un flash mob di protesta sotto le finestre della Regione per chiedere più treni. L'appuntamento è per martedì alle 16.30 in viale Aldo Moro, in concomitanza con la seduta dell'Assemblea legislativa. Al presidio hanno aderito anche i Verdi.

Diversi i problemi sul tavolo: i pendolari del ravennate, ad esempio, "chiedono il ripristino dei treni veloci del pomeriggio da Bologna a Lugo - spiega il portavoce regionale dei Verdi, Paolo Galletti - cancellati inopinatamente dall'orario invernale. Soprattutto il treno delle 17.52, il più utilizzato. Ma chiedono anche un treno veloce di prima mattina e treni serali da e per il capoluogo". I comitati di pendolari di Godo e Classe, invece, "chiedono il ripristino delle fermate soppresse".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il problema però è più ampio: "In tutta la regione esistono vertenze per chiedere più treni e treni di qualità - sottolinea Galletti - I treni devono essere usati non solo per lavoro e studio, ma anche per spostarsi in sicurezza e per inquinare meno". Secondo i Verdi, infatti, è "inutile pensare di contrastare l'emergenza climatica senza un piano straordinario per l'uso del treno". Occorrono quindi "treni moderni e comodi, con impianti di raffrescamento e riscaldamento funzionanti; orari adeguati, decisi con la conoscenza del territorio e delle sue necessità; stazioni presidiate e biglietterie aperte". In altre parole, insistono i Verdi, "il treno in Emilia-Romagna deve diventare una vera metropolitana di superficie funzionale e comoda per spostarsi in sicurezza e senza inquinare, utilizzato da tutte le categorie sociali e non solo da chi non può permettersi l'auto. Per questo serve un deciso cambio di passo nella politica regionale e delle ferrovie". (fonte Dire)

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ravenna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, Bassa Romagna ancora martoriata dalla grandine: chicchi grandi come noci

  • Fatale incidente nella notte: muore in bici investito da un'auto

  • Si tuffa nella piscina dell'hotel, poco dopo lo ritrovano morto in acqua

  • Dalle parole si passa velocemente ai fatti: nel caos spunta una lama, accoltellato un ragazzo a Marina di Ravenna

  • Sassi dal cavalcavia, colpita un'auto con una famiglia a bordo: "Un grande spavento per i bimbi"

  • Trovato senza sensi in acqua, morto un anziano turista in spiaggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento