Cronaca

Formati 13 "mobility manager" scolastici: ecco di cosa si occuperanno

Tra i compiti dei mobility manager rientra anche quello di farsi portavoce delle problematiche sia delle scuole sia delle famiglie

Sono stati consegnati mercoledì mattina in municipio dal sindaco Michele de Pascale gli attestati ai 13 "mobility manager" scolastici formati durante il corso previsto nell’ambito del Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa scuola e casa lavoro cui partecipa il Comune di Ravenna. Erano presenti l’assessora alla Pubblica Istruzione Ouidad Bakkali, l’assessore alla Mobilità Roberto Fagnani, la dirigente dell’Ufficio scolastico regionale, ambito territoriale di Ravenna, Agostina Melucci.

Il Programma, finanziato dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare (Mattm), che ha visto il supporto dell’Ufficio di Ambito territoriale n. X – Usr ER, è finalizzato ad incentivare scelte di mobilità urbana alternative all’automobile privata, anche al fine di ridurre il traffico, l’inquinamento e la sosta degli autoveicoli in prossimità degli istituti scolastici e delle sedi di lavoro.

“La formazione così ampia di mobility manager scolastici – hanno affermato il sindaco e gli assessori - è un’esperienza ancora rara in campo nazionale e pertanto la consegna degli attestati segna oggi un momento importante all’interno della complessiva azione che il Comune sta mettendo in campo per incentivare la mobilità sostenibile, favorendo un’educazione sul tema e coinvolgendo le famiglie; l’argomento, d’altra parte, sta molto a cuore ai ragazzi che nella figura del mobility manager possono trovare un punto di riferimento e risposte a istanze ed esigenze” .

Tra i compiti dei mobility manager rientrano quelli di farsi portavoce delle problematiche sia delle scuole sia delle famiglie; l’attivazione di un canale di comunicazione diretto tra la scuola e l’amministrazione comunale; la condivisione di programmi, attività e iniziative di mobilità sostenibile; la razionalizzazione degli orari di ingresso/uscita degli studenti a favore di una migliore funzionalità dei servizi di trasporto pubblico di linea e scolastico. I tredici partecipanti alla formazione sono insegnanti delle scuole di Ravenna: Stefania Beccari per l’Istituto comprensivo Del Mare, Clelia Luglietti per la Valgimigli di Mezzano, Annibale Guarini per l’Istituto comprensivo Darsena, Giovanna Russo e Giovanna Santelmo per l’Istituto comprensivo San Biagio, Carolina Sanzani per l’Istituto Guido Novello, Rita Ricci per l’Istituto comprensivo Randi, Chiara Scanferla e Orietta Piraccini per l’Istituto comprensivo San Pietro in Vincoli, Gianna Rosa Gordini per l’Istituto tecnico Nullo Baldini, Franca Martini per l’Istituto tecnico Ginanni, Letizia Pretolani per l’Istituto Morigia- Perdisa e Nicola Bernardo del Liceo Scientifico Oriani. Il corso della durata di due giorni e di 16 ore suddiviso in 4 moduli ha registrato lo svolgimento di specifiche attività, incontri seminariali e lezioni d’aula, orientate alla formazione di una figura per ogni plesso scolastico, che fungerà da referente per il Mobility Manager d’Area.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Formati 13 "mobility manager" scolastici: ecco di cosa si occuperanno

RavennaToday è in caricamento