menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da cliente a titolare, dopo 15 anni la fumetteria cambia 'timoniere': "Ho realizzato un sogno"

Da cliente a titolare. Cambia "timoniere" dopo ben quindici anni di gestione la fumetteria "Eternauta" di via Baccarini, e a rilevarlo è proprio una ex cliente del locale

Da cliente a titolare. Cambia "timoniere" dopo ben quindici anni di gestione la fumetteria "Eternauta" di via Baccarini, e a rilevarlo è proprio una ex cliente del locale. "Ho sempre sognato di avere un negozio di fumetti - racconta Monia, la nuova titolare - Sono stata cliente dell'Eternauta per anni, e quando mi si è presentata l'occasione di rilevarlo ho detto: perchè no?".

Quella della 34enne è una passione nata da adolescente: "Intorno ai 15 anni insieme a mia mamma e alle mie sorelle ho iniziato ad appassionarmi agli anime e alle trasposizioni animate dei manga - spiega Monia - Poi ho scoperto che queste venivano dai cartacei, manga e fumetti. Ho sempre amato molto leggere, quindi manga e fumetti univano due mie grandi passioni. Ho iniziato con Topolino, poi sono passata a Dragonball e a tutti quelli più famosi in quel periodo".

Il locale rinnovato, sempre al civico 42 - a due passi dal Tamo e dalla biblioteca Classense - riaprirà al pubblico sabato 12 gennaio alle 16.30 per l'inaugurazione, mentre da lunedì inizierà l'attività vera e propria. "Abbiamo deciso di dare una ventata di novità alla fumetteria - spiega Monia, che gestirà da sola il negozio - cambiando i mobili e rinnovando l'impostazione. Dentro sarà possibile trovare come sempre manga, fumetti italiani e americani, seguiremo un po' la linea precedente su questo. In più, però, ho deciso di provare a tenere anche un po' di modellistica, come i "funko pop" (miniature di plastica che riproducono personaggi famosi, protagonisti di film, videogiochi e fumetti, ndr) e più avanti anche dei giochi di società".

Anche Monia, naturalmente, teme la concorrenza del web e la crisi del centro storico che sempre più spesso costringe i negozianti ad abbassare le serrande: "Certo, un po' la crisi del centro e la concorrenza dell'online mi spaventa: anche a me è capitato di acquistare online. Credo però che per gli appassionati sia importante avere un punto di ritrovo in cui potersi confrontare, parlare con altri appassionati, ma anche vedere e toccare con mano ciò che si acquista, verificando che il prodotto sia integro e non rovinato. Sto pensando di realizzare nel negozio anche un angolo lettura, vorrei ricreare un clima "di casa" e far sì che l'Eternauta diventi una "grande famiglia" per tutti gli appassionati".

eternauta1-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento