menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fumavano in spiaggia e seppellivano i mozziconi nella sabbia: prime multe dopo l'ordinanza

Scattano le prime multe per chi viene sorpreso a fumare sul litorale. Gli agenti della Polizia locale di Ravenna giovedì mattina hanno sanzionato due bagnanti

Scattano le prime multe per chi viene sorpreso a fumare sul litorale. Gli agenti della Polizia locale di Ravenna, impegnati nel controllo quotidiano del litorale al fine di garantire l’assenza di venditori abusivi, giovedì mattina hanno sanzionato due bagnanti perché fumavano in spiaggia senza avere con loro un idoneo contenitore nel quale gettare il mozzicone della sigaretta - così come previsto dall'ordinanza entrata in vigore il 15 luglio scorso. A essere state sanzionate sono state due donne, una sulla battigia di Lido di Classe e l'altra su quella di Lido di Savio. Una delle due è stata sanzionata per 200 euro perché, oltre a essere stata sorpresa a fumare sulla battigia, aveva sepolto nella sabbia un altro mozzicone di sigaretta.

L'ordinanza

Nello specifico l’ordinanza comunale prevede l’assoluto divieto di fumo nella battigia, cioè la fascia di spiaggia ampia cinque metri dalla linea di marea, e nelle zone di mare riservate alla balneazione, cioè la fascia di mare antistante la costa, per una profondità di trecento metri dalla battigia. Nelle restanti zone della spiaggia, essendo in ogni modo vietato l’abbandono di rifiuti, è necessario munirsi di un idoneo contenitore (riutilizzabile oppure “usa e getta”) per la raccolta di mozziconi o altri rifiuti di prodotti da fumo, al fine di evitare danni all’ambiente, nonché possibili pericoli per l’incolumità e la sicurezza delle persone. Proprio nell’ambito della campagna “Il mare dice basta” la Cooperativa Spiagge sta distribuendo oltre 50mila coni portacenere di cartoncino per evitare l’abbandono di mozziconi di sigarette. L’ordinanza sarà in vigore fino all’ultima domenica di ottobre e, dall’anno prossimo, dal sabato precedente la Pasqua all’ultima domenica di ottobre. Le violazioni prevedono sanzioni da 60 a 300 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento