rotate-mobile
Cronaca

Lacrime e palloncini bianchi per i funerali di Andrea Silvestrone, morto insieme ai due figli

Tanto affetto e vicinanza alla moglie Barbara e preghiere non solo per coloro che sono deceduti, ma anche per Diego, l'altro figlio della coppia 12enne rimasto gravemente ferito nell'incidente

Centinaia di persone giovedì hanno voluto partecipare ai funerali di Andrea Silvestrone, 50enne ravennate avvocato e atleta paralimpico morto assieme ai due figli Brando di 8 anni e Nicole di 13 nel terribile incidente avvenuto sabato sull'autostrada A14 a Grottammare. La chiesa della "Visitazione della beata Vergine Maria" a Pescara, dove la famiglia dell'atleta risiede, non è riuscita a contenere tutti coloro che sono arrivati anche da fuori Abruzzo per l'ultimo saluto all'uomo e ai due figli.

Nonostante il freddo pungente e la pioggia, in molti hanno atteso davanti alla chiesa e seguito il rito funebre dall'esterno. Tanti amici, conoscenti, dirigenti e compagni di squadra della Federazione paralimpica alla quale apparteneva Silvestrone, che era un atleta di tennis stimato da tutti coloro che lo conoscevano per la sua forza, determinazione e voglia di vivere che lo hanno portato a diventare un campione sui campi e soprattutto nella vita, grazie all'impegno dimostrato per la causa dell'inclusione delle persone disabili e il miglioramento della loro vita quotidiana.

Tanto affetto e vicinanza alla moglie Barbara e preghiere non solo per coloro che sono deceduti, ma anche per Diego, l'altro figlio della coppia 12enne rimasto gravemente ferito nell'incidente che nei giorni scorsi è stato sottoposto a un intervento chirurgico all'ospedale di Ancona. I controlli post operatori, fanno sapere giovedì dall'ospedale anconetano, confermano la stabilizzazione delle fratture e il ripristino della eumorfia del volto. I medici dell’Anestesia e Rianimazione Pediatrica stanno iniziando le manovre di alleggerimento delle sedazioni. La prognosi è ancora riservata.

Don Cristiano Marcucci ha incentrato la sua omelia sulla figura di Andrea, sul bene che ha fatto in vita e sul suo ottimismo e coraggio, che devono essere un appiglio per la moglie e per tutti coloro che ora lo piangono assieme alle anime pure dei due bambini saliti in cielo troppo presto. Particolarmente toccante l'intervento, al termine della funzione religiosa, del sindaco di Pescara Ottavio De Martinis che visibilmente commosso ha voluto ricordare Andrea, con il quale aveva un rapporto di collaborazione tramite l'amministrazione comunale e soprattutto di amicizia personale. Il primo cittadino ha rivolto poi il proprio pensiero e l'abbraccio da parte di tutta la comunità di Montesilvano alla moglie Barbara, oltre alle preghiere per Diego nella speranza che possa riprendersi il prima possibile. All'uscita della chiesa, al termine della funzione religiosa, le bare sono state accolte dai palloncini bianchi lanciati in aria dai compagni di scuola di Brando e Nicole.

silvestrone-funerali1

La notizia de Il Pescara

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lacrime e palloncini bianchi per i funerali di Andrea Silvestrone, morto insieme ai due figli

RavennaToday è in caricamento