Furti, droga, auto sfregiate: i residenti dell'Isola San Giovanni chiedono più sicurezza

Il Comitato 'Nuova Isola San Giovanni' torna a chiedere maggiore sicurezza per i residenti della zona tra la stazione ferroviaria, i giardini Speyer e le adiacenti strade

Il Comitato 'Nuova Isola San Giovanni' torna a chiedere maggiore sicurezza per i residenti della zona tra la stazione ferroviaria, i giardini Speyer e le adiacenti strade. "Dopo “attimi” di tranquillità durante i quali ci siamo illusi che le cose fossero davvero un po’ cambiate, ecco di nuovo le criticità che ci toccano da sempre - lamentano dal Comitato - Un mesetto fa un’intrusione in una casa di via Don Bosco, giorni fa un’intrusione in locali chiusi spaccando una finestra, con conseguente utilizzo dei bagni che sono stati trovati in condizioni vomitevoli, due giorni fa un furto in abitazione di via Monghini, nella notte una serie di vetture sfregiate in via Carducci, gente che si picchia, la sera spesso urli e schiamazzi fino a tardi... e gente che consuma alcol in barba all’ordinanza che lo vieterebbe; ma si sa, anzi lo sanno, che dopo una certa ora i controlli non ci sono o se ci sono sono sporadici. Sono riusciti persino a inventarsi il comprare alcol in un negozietto di alimentari e consumarlo ai tavolini del bar di fronte (a quell’ora chiuso), lasciando a terra tutti i vuoti, le cicche e quant’altro... Ci stiamo chiedendo se non sarebbe ora di vietare la vendita di alcol a questi alimentari. E le telecamere che ci sono costate tanti quattrini fanno il loro lavoro, saranno visionate spesso o solo su richiesta? Perché avendo saputo che le registrazioni “restano” solo sei giorni dovrebbero richiedere attenzioni particolari! Vorremmo puntare l’attenzione sul fatto che il problema droga esiste eccome, anche se ora con le scuole chiuse è un po’ diminuito, ma è un problema che resta nascosto e fatto di sotterfugi, poco evidente agli occhi dei più. L’alcol invece porta degrado, sporcizia, rumori molesti, bivacchi, orinatoi, e chi più ne ha più ne metta. Non da ultimo ci sono i disagi creati alle strutture ricettive che si vedono spesso cancellare prenotazioni proprio a causa di tutto quanto esposto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • Raffinati ed eleganti: ecco i ristoranti più romantici di Ravenna

Torna su
RavennaToday è in caricamento