Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Serie di razzie a Punta Marina, tre fermi: restituita tutta la refurtiva

Oltre al terzetto, due tunisini di 20 e 35 anni ed un marocchino di 28, è finito nei guai anche un minorenne tunisino

Si è svolta mercoledì mattina l'udienza di convalida dei tre extracomunitari, fermati nella nottata tra lunedì e martedì dagli agenti della Volanti della Questura di Ravenna a Punta Marina con l'accusa di ricettazione in concorso. Oltre al terzetto, due tunisini di 20 e 35 anni ed un marocchino di 28, è finito nei guai anche un minorenne tunisino, denunciato a piede libero ed affidato ad una comunità ravennate così come disposto dalla Procura.

A chiedere l'intervento della Polizia è stato un cittadino, che aveva individuato alcune persone che erano in possesso dei suoi effetti personali che gli erano stati sottratti nella serata precedente. Gli agenti si sono portati nella pineta adiacente viale Cristoforo Colombo dove, all’interno della vegetazione più fitta, dormivano i quattro stranieri, risultati senza fissa dimora e clandestini sul territorio nazionale. Con se avevano borse e zaini, un frontalino stereo Pioneer, occhiali e scarpe da ginnastica griffate Armani, Ray Ban, Nike, cartelloni pubblicitari, documenti assicurativi e certificati di proprietà di diversi autoveicoli. Parte della refurtiva era stata sottratta alla persona che aveva segnalato il furto al 113.

Nella notte appena trascorsa dalla località balneare erano pervenute diverse richieste di intervento per persone sospette che si aggiravano fra le auto in sosta. I poliziotti hanno effettuato minuziose ricerche che hanno permesso di individuare quattro persone che avevano subito furti di effetti personali dalle proprie auto in sosta. Il confronto fra le denunce sporte dalle parti offese e tutti gli effetti in possesso dei quattro cittadini extracomunitari ha permesso di individuare tutti gli oggetti rubati, che sono stati restituiti ai legittimi proprietari, residenti e villeggianti a Punta Marina Terme. Per i tre malviventi si sono aperte le porte del carcere di Ravenna, mentre il minorenne è stato affidato ad una comunità.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie di razzie a Punta Marina, tre fermi: restituita tutta la refurtiva

RavennaToday è in caricamento