Gli soffiano la macchina carica di sigarette: barista derubato mentre le scarica

Immediatamente il titolare ha chiamato i Carabinieri che hanno diramato le ricerche della Peugeot 208 rubata. Sul posto si sono portati i militari di Campiano, mentre per le ricerche si sono attivati quelli di Ravenna e Cervia

Foto Massimo Argnani

Gli hanno rubato l'auto da sotto il naso. L'episodio si è verificato giovedì mattina, al Bar Faina sulla Dismano, quando il titolare ha fatto ritorno alla sua attività, intorno alle 9, dopo essersi recato a comprare la scorta di sigarette per il bar. Con l'auto carica si è fermato per scaricare la merce che aveva nel bagagliaio: appena si è allontanato per portare dentro la prima scatola, un individuo è salito sull'auto, dove le chiavi erano ancora inserite, ha messo in moto e si è dato alla fuga, verso Ravenna. 

Immediatamente il titolare ha chiamato i Carabinieri che hanno diramato le ricerche della Peugeot 208 rubata. Sul posto si sono portati i militari di Campiano, mentre per le ricerche si sono attivati quelli di Ravenna e Cervia. I Carabinieri hanno subito analizzato le registrazioni delle telecamere del bar, potendo vedere interamente la scena del furto ed estrapolando elementi utili alle ricerche. 

Dopo poco l'auto è stata ritrovata sulla SS16 Adriatica, in località Madonna dell'Albero, abbandonata nel parcheggio della ex Maioli. Ovviamente non c'era più traccia delle sigarette, che probabilmente sono state trasferite su un'auto 'pulita'. Il bottino è stato stimato in circa 10mila euro. Le ricerche continuano. 

auto furto sigarette carabinieri-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Allarga la tua casa costruendo una veranda

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Macabro ritrovamento in spiaggia: una donna scopre un cadavere in decomposizione

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento