Cronaca

Rubavano le batterie dei ripetitori della rete telefonica per rivenderle

Rischiavano di mettere fuori uso le reti telefoniche di estese zone e di creare, oltre a disagi per gli utenti, anche rischi per la sicurezza del Paese in caso di calamità

Rubavano e rivendevano batterie a tampone asportate dai ripetitori di segnale delle più importanti compagnie telefoniche, tra cui Vodafone, Wind, Tre e Tim, rischiando di mettere fuori uso le reti telefoniche di estese zone e creando, oltre a disagi per gli utenti, anche rischi per la sicurezza del Paese in caso di calamità.

Gli agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria della Polizia Stradale di Cremona e del Distaccamento di Crema, come riporta l'Ansa, dopo aver fermato un autocarro di una ditta di commercio e recupero rifiuti di Ravenna con un carico di accumulatori rubati da ponti radio nel milanese e nel bresciano hanno eseguito, su richiesta del pm bresciano Fabio Salamone, quattro ordinanze di custodia cautelare - tre in carcere e una ai domiciliari - emesse dal gip Giulia Costantino. Si tratta dell'autore materiale dei furti, dei ricettatori (residenti nel campo nomadi di Brescia) e del compratore finale di Ravenna. Tutte le batterie recuperate sono state restituite alle società telefoniche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubavano le batterie dei ripetitori della rete telefonica per rivenderle

RavennaToday è in caricamento