Gene Gnocchi e suo figlio Ercole lanciano un nuovo spettacolo radiofonico partendo da Ravenna

Il prossimo 4 maggio partirà dal Bronson l'avventura di padre e figlio, racconteranno quanto può essere divertente la musica rock, attraverso imprevedibili selezioni musicali

Parte dal Bronson di Ravenna il prossimo 4 maggio  "Radio Gnocchi", il nuovo progetto di Gene Gnocchi che, assieme al figlio musicista Ercole, racconta on stage quanto può essere divertente e piena di energia la musica rock, attraverso imprevedibili selezioni musicali, a volte anche inedite.
Gene ed Ercole Gnocchi, come in una vera emittente radiofonica, faranno ascoltare la musica che amano chiacchierando fra un brano e l’altro, raccontando storie dei gruppi di oggi e di ieri, dei miti e di quelli sconosciuti, tentando, come solo i veri amanti del genere possono permettersi di fare, di prendere in giro gli stereotipi del mondo del rock.

"Se la gente sente musica che non conosce ma il cui impatto è potente e il piede saltella allora si diverte, quindi ci siam detti: perché non provare a costruirci attorno una cosa strutturata, che possa diventare itinerante? - racconta Gene - L’idea è di metter su dei dischi, sia io che mio figlio, dei pezzi che più ci piacciono, ma vogliamo anche ampliare il progetto, cambiando la scaletta a ogni replica, inserendo gruppi e pezzi nuovi che abbiamo scoperto di recente. Il pubblico sarà seduto di fronte a noi e potrà interagire e sarà sicuramente anche parte dello show".

Nasce così uno spettacolo che, per sua struttura, non sarà mai uguale e ogni sera verranno raccontate storie nuove, stimolando, oltre che lo spettatore, anche i protagonisti di questa avventura, che saranno sempre a caccia di novità musicali da proporre sul palco. «Gregg Alexander, ad esempio, leader dei New Radicals ha fatto nel 1992 un album solista strepitoso: ecco, noi vorremmo dar modo anche di conoscere gente magari famosa ma di cui non si sa tutto. E più che ai pezzi siamo affezionati a determinate figure, che spesso sono poco conosciute. Penso, ancora, alla Graham Colton Band, che a inizio carriera ha fatto tre album splendidi ma sconosciuti. Oppure i Riverboat Gamblers, che han fatto alcuni dischi clamorosi, ma non li conosce nessuno. Io con una loro canzone ci facevo l’ingresso a “Quelli che il calcio” anni fa, e tutti mi chiedevano di chi fosse. Insomma, Radio Gnocchi sarà un modo per dire “guardate che non ci sono solo i soliti noti”».
L’amore per la musica rock di Gene è cosa ben nota, e in questo progetto viene affiancato dal figlio Ercole, professionista di uno studio di registrazione milanese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assieme ai romagnoli Bronson Produzioni e “TuCo. Tutta la comunicazione”, hanno creato la talk-radio Radio Gnocchi, della durata ogni sera di poco più di un’ora: una sorta di dialogo a due fra padre e figlio, attraverso la musica rock.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento