Cronaca Lugo

220 anni fa la nascita della bandiera italiana: Lugo celebra la Giornata del Tricolore

"La giornata del Tricolore è importante sotto il profilo culturale e storico, poiché la nostra bandiera è portatrice di valori", ha sottolineato il sindaco Davide Ranalli

Sabato prossimo alle 10 nell’aula magna istituto tecnico commerciale “Giuseppe Compagnoni” di Lugo, in via Lumagni 26, sarà celebrata la Giornata del Tricolore 2017, nel 220esimo anniversario della nascita della bandiera italiana. "La giornata del Tricolore è importante sotto il profilo culturale e storico, poiché la nostra bandiera è portatrice di valori - ha sottolineato il sindaco Davide Ranalli -. Quest’anno abbiamo stretto un rapporto con il Comune di Reggio Emilia. Due città diverse con due storie diverse, ma con un legame forte, che è Giuseppe Compagnoni. Il 7 gennaio sono stato ospite delle celebrazioni per il 220esimo anniversario della nascita del Tricolore, a Reggio Emilia, mentre sabato il sindaco di Reggio Emilia parteciperà al nostro evento. Un lavoro diplomatico che, al pari di quello portato avanti con Pesaro per Gioachino Rossini, dimostra la volontà della nostra città di dialogare con i territori che hanno un legame con i lughesi illustri che hanno contribuito a scrivere la storia".

“È un onore poter ospitare questa celebrazione nel nostro istituto - ha dichiarato Milla Lacchini, dirigente scolastico del Polo tecnico professionale di Lugo -. Sottolineo l'importantissima valenza educativa di questa iniziativa, poiché gli studenti sono chiamati a essere protagonisti. Gli ideali e i valori racchiusi nel Tricolore sono indispensabili per la crescita dei ragazzi come cittadini, una crescita che passa attraverso il senso di appartenenza”. Per l’occasione saranno consegnate le bandiere italiana ed europea a due sezioni del Polo tecnico professionale, quella tecnica “Giuseppe Compagnoni” e a quella professionale “Eustachio Manfredi”. La cerimonia vedrà gli interventi della dirigente scolastica Milla Lacchini, del presidente di Unuci Lugo Renzo Preda e del presidente del Lions Club di Lugo Emanuela Pinchiorri. Seguirà la proiezione del lavoro multimediale “Storia del Tricolore”, a cura degli studenti dell’istituto tecnico “Compagnoni”.

Al termine delle proiezioni vi saranno gli interventi del prefetto di Ravenna Francesco Russo, del sindaco di Ranalli, del sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi e del comandante militare dell’Esercito in Emilia Romagna, il generale di brigata Cesare Alimenti. “La nostra cittadina, a giusto titolo dopo Reggio Emilia, si considera la seconda città italiana che ricorda la nascita del nostro vessillo nazionale - ricorda Renzo Preda, presidente della sezione lughese dell’Unuci -. Con l’iniziativa che proponiamo a Lugo da 20 anni, alternando il Teatro Rossini e l’istituto ‘Compagnoni’ quale sede ospitante, ci rivolgiamo principalmente ai giovani. A tutti gli intervenuti saranno consegnati materiale informativo e una bandiera italiana”.

LA STORIA - Il vessillo tricolore è stato ideato e proposto dal lughese Giuseppe Compagnoni. L’illustre giurista nel lontano 7 gennaio 1797, al Congresso della Repubblica Cispadana, in qualità di delegato della Legazione di Ferrara (Lugo era sotto giurisdizione estense), ideò, promosse e fece promulgare “che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di tre colori verde, bianco e rosso e che questi tre colori si usino anche nella Coccarda Cispadana la quale debba portarsi da tutti”, come venne decretato. Oggi, in tutte le enciclopedie o testi di varia natura, Giuseppe Compagnoni è definito universalmente il “padre del Tricolore”.

È dal 1997, anno del bicentenario dalla nascita del Vessillo, che Lugo celebra annualmente la Giornata del Tricolore. La particolarità che distingue la manifestazione, da sempre promossa e organizzata dall’Amministrazione comunale insieme alle sezioni lughesi di Unuci e Lions Club, è che essa coinvolge tutto il mondo giovanile studentesco. Meritano di essere segnalate le edizioni del 2008 al Teatro Rossini in occasione del 60esimo anniversario della Costituzione Repubblicana con la lectio magistralis del professor Valerio Onida, presidente emerito della Corte Costituzionale, e quella del 2011, 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, con la lectio magistralis del professor Maurizio Ridolfi.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

220 anni fa la nascita della bandiera italiana: Lugo celebra la Giornata del Tricolore

RavennaToday è in caricamento