rotate-mobile
Cronaca

Giovane madre uccisa da un'overdose di eroina: due arresti

Nell'ambito delle indagini sono state indagate altre tre persone, che a vario titolo dovranno rispondere di spaccio e di favoreggiamento personale

Uccisa da un'overdose di eroina. Era il 9 ottobre del 2015 quando una giovane madre di 32 anni trovò la morte in un appartamento nei pressi del centro di Ravenna. Le indagini dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno portato all'arresto di due ravennati. Si tratta di un 31enne e di un 43enne: il primo è accusato di aver iniettato la dose letale alla ragazza e comparirà in futuro davanti al giudice con il capo d'imputazione di omicidio preteritenzionale e calunnia; mentre il secondo è ritenuto lo spacciatore che fornì la dose letale, 1,5 grammi di eroina thailandese, e dovrà rispondere di spaccio e di morte come conseguenza di altro reato.

I due sono si trovano ai domiciliari come disposto dal giudice per le indagini preliminari Antonella Guidomei, che ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare. Il sostituto procuratore Antonio Vincenzo Bartolozzi aveva chiesto la detenzione in carcere. Nell'ambito delle indagini sono state indagate altre tre persone, che a vario titolo dovranno rispondere di spaccio e di favoreggiamento personale. La notizia è stata riportata venerdì dall'edizione ravennate de "Il Resto del Carlino" e "Corriere Romagna".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane madre uccisa da un'overdose di eroina: due arresti

RavennaToday è in caricamento