Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Faenza

Giro di vite sui raccoglitori abusivi di ferrivecchi: "Grosso pericolo per l'ambiente"

"Negli ultimi mesi su tutto il territorio nazionale, compresa la regione Emilia Romagna, è stata registrata una crescita esponenziale dei "raccoglitori" abusivi di rifiuti di rame e di metalli ferrosi"

Venerdì pomeriggio, i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Faenza, durante un servizio di controllo del territorio, hanno fermato lungo la via Emilia ponente un furgone bianco sospetto. A bordo del veicolo i militari dell’arma hanno identificato un uomo ed una donna, rispettivamente un 56enne ed una 48enne, entrambi rom originari della Serbia ma da anni residenti a Faenza, già noti alle forze dell'ordine. Il veicolo a loro in uso è risultato invece essere intestato ad un’altra persona che ha rapporti con la stessa famiglia, al momento non presente.

I carabinieri a quel punto hanno voluto approfondire la cosa ed hanno chiesto al conducente di aprire il portellone posteriore per dare un'occhiata all'interno del mezzo. Così facendo i militari dell’arma hanno trovato diverse decine di chili di materiale ferroso trasportato senza le autorizzazioni previste dalla vigente normativa a tutela  dell’ambiente. I due fermati non hanno saputo spiegare la provenienza di quel ferro limitandosi a dire che era loro intenzione rivenderlo per racimolare un po’ di euro, molto probabilmente piazzandolo sul “mercato nero”.

Oltre a denunciare i due per il reato di raccolta e trasporto illecito di rifiuti in concorso, hanno proceduto al sequestro finalizzato alla confisca sia del carico di materiale ferroso che del furgone utilizzato per trasportarlo. A tal proposito il comandante della compagnia di Faenza Cristiano Marella spiega che “negli ultimi mesi su tutto il territorio nazionale, compresa la regione Emilia Romagna, è stata registrata una crescita esponenziale dei “raccoglitori” abusivi di rifiuti di rame e di metalli ferrosi, fenomeno di forte impatto sociale ed economico, infatti mette a rischio non solo l’ambiente e la salute delle persone ma implica anche un danno sia per l’erario, sia per le aziende che operano in regola, sia per i comuni che applicano le raccolte differenziate dei rifiuti. Si pensi a chi abusivamente smonta gli elettrodomestici per rompere le serpentine per prelevare il rame e cosi facendo  - come ad esempio nel caso di lavatrici - fuoriescono i gas refrigeranti o peggio ancora quando si dà fuoco alle guaine. per questo motivo in tutto il territorio della compagnia di Faenza stiamo intensificando i controlli allo scopo di contrastare i vari trasportatori abusivi che il più delle volte trasportano materiale ferroso di illecita provenienza alimentando il mercato nero per ricavare un illecito profitto”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro di vite sui raccoglitori abusivi di ferrivecchi: "Grosso pericolo per l'ambiente"

RavennaToday è in caricamento