rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Gli ambientalisti raccolgono firme per 4 proposte di legge su acqua, rifiuti, energia e consumo di suolo

Ne sono promotori i comitati e le associazioni che fanno parte della Rete per l’Emergenza Climatica e Ambientale Emilia-Romagna, fra cui il Coordinamento ravennate “Per il Clima – Fuori dal Fossile”, e Legambiente regionale

Da aprile inizia la raccolta di firme in tutta la nostra Regione a sostegno di 4 leggi di iniziativa popolare regionale. Ne sono promotori i comitati e le associazioni che fanno parte della Rete per l’Emergenza Climatica e Ambientale Emilia-Romagna, fra cui il Coordinamento ravennate “Per il Clima – Fuori dal Fossile”, e Legambiente regionale. Si tratta di 4 proposte di legge su questioni decisive rispetto alle politiche ambientali e di contrasto al cambiamento climatico: acqua, rifiuti, energia e consumo di suolo. A Ravenna la raccolta delle firme è organizzata da Per il Clima – Fuori dal Fossile e inizia la mattina di sabato 2 aprile in Piazza Sighinolfi in occasione del mercato.

"Le proposte nascono da un percorso iniziato nel momento della firma del Patto per il lavoro e il clima promosso dalla Giunta regionale nel dicembre 2020, sottoscritto da molte organizzazioni e associazioni, a partire da quelle sindacali e imprenditoriali. Quel Patto enunciava obiettivi ambiziosi – il passaggio alle energie rinnovabili al 100% nel 2035 e l’azzeramento delle emissioni climalteranti al 2050 – ma che non sono poi stati supportati da interventi coerenti e cogenti, e ancora oggi sono continuamente contraddetti dalle scelte del governo regionale - spiegano i promotori - Prevale ancora una logica puramente economicista e produttivista, tendente esclusivamente alla crescita quantitativa del Pil, senza verificare cosa ciò comporti per il benessere dei cittadini e per la salvaguardia delle risorse naturali ed ambientali. Secondo tale logica bisogna attrarre investimenti, anche stranieri, al di là del loro impatto ambientale e anche delle ricadute sulla qualità e quantità dell’occupazione. Si continua a ragionare sulle grandi opere autostradali, secondo un modello di trasporto basato sulla mobilità privata e ignorando ciò che questa scelta comporta in termini di consumo di suolo. Si prosegue con le privatizzazione di servizi pubblici, come quello idrico e della gestione dei rifiuti. Si ripropone un’idea di produzione e distribuzione centralizzata e verticistica dell’energia, che ha come conseguenza quella di privilegiare le fonti fossili rispetto a quelle rinnovabili. La politica regionale in questo momento è in totale sintonia con quella del governo centrale, che peraltro utilizza la contingenza terribile della guerra in Ucraina per proporre ulteriori scelte regressive, in particolare in tema di energia, e porta avanti l’idea di estrarre più gas e, addirittura, di far tornare in auge le centrali a carbone, anziché investire massicciamente sullo sviluppo delle rinnovabili! E intanto, con il disegno di legge sulla concorrenza, attualmente in discussione, si pensa di estendere ulteriormente le privatizzazioni a tutti i servizi pubblici, da quello idrico ai rifiuti e alla sanità".

Le 4 proposte di legge di iniziativa popolare si muovono in direzione alternativa: "La proposta di legge sull’acqua (e anche quella sui rifiuti) sposta l’intervento decisionale in materia più vicino ai cittadini e agli Enti Locali, riportandolo a livello territoriale e mette l’accento sul ruolo fondamentale della gestione pubblica. La proposta di legge sui rifiuti si pone l’obiettivo di ridurre fortemente la loro produzione e quella dei rifiuti non riciclati, rendendo per questa via possibile l’uscita dal ricorso all’incenerimento in pochi anni. La proposta di legge sull’energia è imperniata sull’idea della pianificazione regionale e territoriale degli interventi per arrivare alla copertura del 100% del fabbisogno energetico da fonti rinnovabili entro il 2035, alla riduzione del 32% dei consumi lordi finali al 2030 e del 55% di emissioni climalteranti al 2030, passando ad un nuovo modello basato sulla produzione e sul consumo decentrato e diffuso. La proposta sul consumo di suolo, dando priorità al riuso e alla rigenerazione urbana, anche attraverso un censimento degli edifici e delle aree dismesse, indica la prospettiva del consumo di suolo zero come obiettivo concreto. Sono proposte che premono per un forte cambiamento delle politiche regionali: acqua, energia, servizi dei rifiuti, suolo non solo vanno considerati beni comuni da sottrarre al mercato, ma configurano un’idea diversa dell’attuale modello sociale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli ambientalisti raccolgono firme per 4 proposte di legge su acqua, rifiuti, energia e consumo di suolo

RavennaToday è in caricamento