Gli infermieri incrociano le braccia: "Basta con i tagli all'organico"

"Scioperiamo per la nostra condizione - spiega Francesca Batani, consigliere regionale Nursing Up - ma soprattutto per i cittadini, ai quali non possiamo garantire il giusto operato nostro malgrado"

Infermieri e del personale del comparto sanità del Servizio Sanitario Nazionale in sciopero. Il fermo, inizialmente proclamato per il 26 febbraio, è stato anticipato al 23. Da mezzanotte a mezzanotte, il personale sanitario si fermerà per il mancato rinnovo dei contratti. Allo sciopero partecipano anche i tecnici radiologi e di laboratorio. 

"Scioperiamo per la nostra condizione - spiega Francesca Batani, consigliere regionale Nursing Up - ma soprattutto per i cittadini, ai quali non possiamo garantire il giusto operato nostro malgrado. I cittadini devono indignarsi con noi perchè questo trattamento mette in pericolo l'unico bene intangibile che abbiamo: la vita".

Tra le richieste del sindacato, anche lo sblocco del turnover "per dire basta alla fuga dei cervelli e all'emigrazione dei giovani infermieri che vanno all'estero a portare competenze e professionalità che non vengono riconosciute in Italia". Basta anche "ai tagli lineari delle dotazioni organiche, al demansionamento dei professionisti sanitari e alle pretese di deroghe indiscriminate alle ore di riposo giornaliere e al riposo settimanale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Cade mentre lavora al porto e si frattura il cranio: operaio in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento