Cronaca

Gli studenti fanno lezione al freddo fuori da scuola: "Basta didattica a distanza"

"Pensiamo che la didattica a distanza stia togliendo molto agli studenti, per questo abbiamo deciso di stazionare davanti ai nostri istituti tutti i lunedì mattina finchè non si tornerà in presenza"

Una protesta contro la didattica a distanza per poter tornare a scuola in presenza. Lunedì mattina si è svolta una manifestazione di fronte all’istituto per geometri “Camillo Morigia” alla quale hanno preso parte due studenti, il 17enne Alessandro, studente di quarta superiore all’istituto tecnico agrario “Luigi Perdisa”, e Rachel, studentessa di quinto anno all’Itg Morigia. I due ragazzi hanno protestato silenziosamente contro la didattica a distanza sfidando il freddo.

"Pensiamo che la didattica a distanza stia togliendo molto agli studenti - spiegano i due - per questo abbiamo deciso di stazionare davanti ai nostri istituti tutti i lunedì mattina finchè non si tornerà in presenza. Per la prossima settimana vorremmo coinvolgere altri studenti per far capire al mondo delle istituzioni che noi non ci stiamo e che ci siamo sentiti presi in giro perché il principale problema, cioè quello dei trasporti, non è stato risolto. Capiamo bene la difficoltà del momento e la situazione sanitaria avversa, ci teniamo a chiarire che non la sottovalutano, però per noi e per molti altri studenti è vitale tornare in classe con regole e protocolli chiari e una conseguente riorganizzazione dei trasporti che coinvolga anche gli studenti. Sappiamo bene che alcuni ragazzi non rispettano con rigore le regole, ma siamo d’accordo per un rafforzamento della posizione dell’insegnante che deve avere gli strumenti per sanzionare gli studenti irrispettosi: ai docenti non deve essere assegnato il ruolo di “poliziotto”, ma il ruolo di educatore".

_MG_6154-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti fanno lezione al freddo fuori da scuola: "Basta didattica a distanza"

RavennaToday è in caricamento