Cronaca

Guardia medica per i turisti, sette ambulatori già attivi nel ravennate

Col "ponte" del 2 giugno la stagione turistica balneare entra nel vivo, e con essa si attivano i servizi aziendali per la salute dei turisti

Col “ponte” del 2 giugno la stagione turistica balneare entra nel vivo, e con essa si attivano i servizi aziendali per la salute dei turisti. Sul litorale romagnolo (province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini) sono infatti già attivi 23 ambulatori (5 nel cesenate, 7 nel ravennate e 11 nel riminese), ulteriori 3 (1 nel riminese e 2 nel cesenate) se ne aggiungeranno di qui a breve nel mese di giugno e infine altri 6 saranno attivi nelle aree collinari del cesenate dal primo luglio. In totale 32 “accessi”. L'assistenza medico-generica turistica eroga prestazioni ambulatoriali e domiciliari esclusivamente in favore di turisti italiani e stranieri, lavoratori stagionali che si trovino occasionalmente nel territorio dell'azienda Usl della Romagna e a tutti i cittadini dell’azienda Usl della Romagna ad eccezione dei residenti nel Comune ove si svolge l’attività stessa di assistenza turistica.

Per poter usufruire dell'assistenza medico-generica turistica è prevista una partecipazione alla spesa da parte dell'utente nella misura di 25,00 euro per prestazione domiciliare, 15,00 euro per visita ambulatoriale. Il medico deve rilasciare regolare ricevuta fiscale e non può percepire compensi diversi da quelli suindicati. Con l’occasione si fa inoltre presente che in occasione del “ponte” del 2 giugno è stato disposto un rafforzamento del servizio di Continuità assistenziale (cosiddetta Guardia medica) sul territorio provinciale di Ravenna, per le giornate di venerdì, sabato e domenica sia per gli ambulatori territoriali sia presso la centrale operativa, in cui vi sarà un medico in più nel turno dalle 20 alle 8 di mattina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guardia medica per i turisti, sette ambulatori già attivi nel ravennate

RavennaToday è in caricamento