Guerra all'abbandono di rifiuti: fototrappole, "accertatori ambientali" e multe salate

L’Amministrazione comunale dice stop all’abbandono dei rifiuti, predisponendo una serie di azioni congiunte tra il gestore e la Polizia municipale

Immagine di repertorio

L’Amministrazione comunale di Conselice dice stop all’abbandono dei rifiuti, predisponendo una serie di azioni congiunte tra il gestore e la Polizia municipale. Sul tavolo ci sono controlli e sanzioni della Polizia municipale per conferimenti scorretti, un progetto di controllo sperimentale attraverso fototrappole - già deliberato dall'Unione dei Comuni della Bassa Romagna - sui nove Comuni e la nuova gara sui rifiuti, in scadenza il prossimo 30 giugno, che prevede a carico del nuovo affidatario sei accertatori ambientali sul territorio. Da fine 2016 Hera ha inoltre attivato un sistema di rilevazione georeferenziato per l’individuazione delle anomalie legate agli svuotamenti e il Rifiutologo, l‘app a disposizione dei cittadini scaricabile su smartphone e tablet.

"È tempo di intervenire in modo incisivo con azioni che mettano al centro il cittadino e, in particolare, il valore discriminante delle sue scelte - ha dichiarato il sindaco Paola Pula -. Scelte che fanno la differenza per la qualità del territorio in cui uno vive. Oltre a provocare il degrado dell’ambiente e dei territori urbani, l’abbandono dei rifiuti è un reato sanzionabile per legge, con contravvenzioni fino a 500 euro".

Pigrizia, scarso senso civico e mancanza di informazioni sono alle base degli scorretti comportamenti, che nel 2017 hanno portato a ben 293 segnalazioni. Tra le vie maggiormente interessate dall'abbandono dei rifiuti compaiono via Biscie con una sessantina di recuperi, via Bellagrande e via dell'Industria con 40 recuperi, via Canalazzo con una trentina di interventi. Seguono via Zoppa, via Gagliazzona, via Bastia, via Coronella, oltre a molte altre vie interne ai centri cittadini. Tra i materiali abbandonati spiccano materassi, frigoriferi, televisori, mobilio, lavatrici, potature, sacchetti neri fuori dai cassonetti e anche lastre di eternit. Sul territorio comunale sono in funzione ben due stazioni ecologiche alle quali consegnare correttamente i rifiuti speciali o ingombranti e che anche quest’anno per i cittadini conselicesi sarà possibile smaltire senza costi quantità di amianto fino a 400 chili per utente domestico. È inoltre a disposizione dei cittadini il servizio di ritiro domiciliare gratuito degli ingombranti, effettuato da Hera. Il servizio è attivabile su prenotazione telefonica, chiamando il Servizio Clienti Hera al numero 800999500.

LE NOTIZIE DI OGGI

Inferno in autostrada: dopo l'urto il camion prende fuoco e si ribalta in mezzo alla strada
Violento schianto, l'auto vola nel fosso e la donna resta incastrata: gravi due automobilisti
Imbrattato il camion-vela della campagna anti-aborto: "Non ci faremo intimidire"
Tunnel imbrattato da risanare: "Operazione a rischio, non tocca agli scout"

Potrebbe interessarti

  • Benefici ed effetti collaterali dello zenzero

  • Sopravvivere al caldo senza aria condizionata? Ecco come fare

  • Cosa attrae le zanzare? E' tutta colpa della chimica

  • Street food al ristorante? Ecco i locali da provare a Ravenna

I più letti della settimana

  • Sciagura in serata: moto si schianta contro un'ambulanza, muore un 28enne

  • Forte temporale a Cervia: strade e sottopassi allagati e alberi crollati

  • Si tuffa e viene colto da un malore: muore nella piscina dell'hotel

  • Muore a 28 anni, fidanzata in prognosi riservata: c'è un testimone del drammatico incidente

  • Si schiantano in moto: passeggero ferito grave, il conducente fugge a piedi

  • Schiacciata sotto un albero nella tempesta: amputata la gamba, donna resta in coma

Torna su
RavennaToday è in caricamento