menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boom di Hikikomori, sempre più giovani 'eremiti sociali': "Avviare un protocollo d'intesa"

È quanto chiedono in una interrogazione indirizzata alla giunta Raffaella Sensoli e Andrea Bertani, consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, dopo la diffusione dei dati della ricerca “Adolescenti eremiti sociali"

Un protocollo d’intesa che coinvolga Regione, Ufficio scolastico regionale e Ordine degli psicologi per cercare di mettere un freno al preoccupante fenomeno che colpisce soprattutto gli adolescenti che si isolano nella loro stanza rinunciando a relazionarsi con il mondo esterno. È quanto chiedono in una interrogazione indirizzata alla giunta Raffaella Sensoli e Andrea Bertani, consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, dopo la diffusione dei dati della ricerca “Adolescenti eremiti sociali” realizzata dall’Ufficio scolastico regionale che ha rilevato 346 casi segnalati nelle scuole della nostra regione e che ha indagato il fenomeno degli “Hikikomori”, termine giapponese che significa “stare in disparte”.

Rifiutano la scuola e vivono chiusi in camera: a Ravenna segnalati 24 'Hikikomori'

Nella Provincia di Ravenna i casi di presunti hikikomori segnalati sono stati 24: sei frequentano la scuola secondaria di primo grado (tre maschi e tre femmine) e 18 quella di secondo grado (sette maschi e undici femmine). Le ragioni che spingono i ragazzi verso il ritiro sociale sono diverse, ma ruotano sempre intorno al timore di fallire, di essere giudicati e derisi, o dal rifiuto di pressioni sociali ritenute eccessive e contrarie ai propri desideri o aspirazioni. Nella loro interrogazione i due consiglieri chiedono alla Giunta se "non ritenga opportuno promuovere sull’intero territorio regionale la cultura e la definizione di strategie d’intervento su questo fenomeno, allo scopo di promuovere sia una sua maggiore conoscenza, sia una presa in carico più completa e proficua da parte di tutti i soggetti coinvolti, attivando e consolidando, laddove possibile, tutte le opportune forme di collaborazione e integrazione tra le diverse istituzioni e servizi. Anche per questo crediamo sia necessario realizzare e un protocollo d’intesa tra la Regione, l’Ufficio Scolastico regionale, l’Ordine degli psicologi e le associazioni che sul territorio nazionale e regionale si occupano di questi casi per la definizione di strategie d’intervento sull’emergente fenomeno del ritiro sociale volontario", concludono Sensoli e Bertani. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento