Hub portuale, Ancisi (LpRa) critico: "L'illusione del grande Porto"

E' stato presentato venerdì il bando di gara del progetto Hub Portuale Ravenna per l'escavo dei fondali a una profondità di 12,5 metri e la realizzazione delle banchine e delle nuove piattaforme logistiche

E' stato presentato venerdì il bando di gara del progetto Hub Portuale Ravenna per l'escavo dei fondali a una profondità di 12,5 metri e la realizzazione delle banchine e delle nuove piattaforme logistiche. Un bando colossale da 250 milioni per un progetto di cui a Ravenna si parla da tanti anni, e sul quale il capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi resta critico. "Questo bando esce 13 anni dopo gli ultimi precedenti scavi, che portarono i fondali a -11,5 metri, e 12 dopo che il Piano Regolatore Portuale 2007 ne aveva dettato i presupposti. Ma il suo obiettivo, finalmente ragionevole, di portare l’ asta del canale a -12,5 sarà raggiunto tra altri dieci anni. Se tutto va bene, e sarà un miracolo - spiega il consigliere - Nel frattempo, la scelta delirante dell’ex Progettone di portare i fondali a -14,5 metri, appesantita dalla malagestione e affossata da procedimenti giudiziari in serie, tuttora minacciosi, ha insabbiato il porto nelle sue secche. Per ordine della Capitaneria, oggi vi si entra con un pescaggio massimo di 9,45 metri. In fondo al tunnel si vede dunque solo una fiammella, non più che trepidante. Se i potenti gerarchi del Pd si fossero limitati, pudicamente, ad apprezzare il lavoro tecnico compiuto dall’Autorità Portuale per ridimensionare e far ripartire il Progettone, sarebbero stati credibili. Ma il comizio che hanno somministrato alla città impone di smascherarne le due principali vanaglorie".

"Il presidente della Regione ha comiziato da candidato alla rielezione, trascurando che si parlava del porto di Ravenna - punta il dito Ancisi - Ma è stato il sindaco a vaneggiare che “non sarà solo il porto della regione Emilia-Romagna, ma avrà un ruolo importante nella portualità italiana, punto di riferimento dei container”. Peccato che non sia mai stato neppure il porto della Regione, che ha sempre preferito lo sbocco marittimo sul Tirreno. Appena due anni fa, Bonaccini si è speso a firmare in prima persona un accordo con la Regione Liguria per potenziare i collegamenti ferroviari e stradali tra Parma/Piacenza e il porto di La Spezia. De Pascale ha invero invocato “un cambio di passo da parte di Anas e delle Ferrovie” anche per il porto di Ravenna. Se non fosse che, quanto a collegamenti decenti col resto d’ Italia, siamo tuttora a zero, condannati a restarci anche dopo che è stato adottato (7 luglio 2019) il nuovo piano regionale dei trasporti 2025. Qualcuno dovrebbe però dire al primo cittadino di Ravenna che il nostro porto non può, per propria struttura genetica, diventare mai un porto hub dei container, che significa poterli smistare dalle grandi navi “madre” a quelle medio-piccole “feeder”, tipo Pireo (Grecia) e Gioia Tauro (Tirreno). Lo sanno bene alla Sapir, che ha dato in gestione l’ attuale suo “vecchio” terminal container ad una società che ha tutti gli interessi e il core business sul Tirreno. Non è un caso che funzioni a metà delle sue potenzialità. E neppure che nel 2018 abbia movimentato la miseria di 180 mila unità di container, in linea con un andazzo ultradecennale lontano dall’ obiettivo, già da allora vincolante, di 300 mila. Di qui, il seguente clamoroso ritorno sul luogo del delitto: “il chilometro di banchina in Largo Trattaroli servirà per il nuovo terminal container da 500 mila teu”. Intanto, non c’entra niente con la gara d’appalto (si spera) decennale, oltre la quale Governo, Regione, Comune, Autorità portuale, ecc. potrebbero (si spera) non essere nelle stesse mani. Un terminal verrà di conseguenza, com’ è logico quando si fa una banchina. Ma che sia un terminal container è talmente illogico da far temere una nuova deriva deflagrante. Basti citare Giordano Angelini, presidente Sapir, ex sindaco: “Faremo un nuovo terminal container se il porto sarà approfondito a -14,5 metri” (24 aprile 2011). Oppure si porteranno i container a Largo Trattaroli con l’ elicottero. Mentre si agita in aria traballante il secondo volo del presidente della Regione e del sindaco di Ravenna verso le rispettive poltrone, questa è non un’ ipotesi da scartare. Mettere le ali agli asini gli è stato sempre facile. Gli è già riuscito di librare sulle nuvole due nuove piscine e tre nuove caserme della polizia municipale. Come faranno a farci volteggiare stormi di container dovranno però spiegarcelo in consiglio comunale, dove qualcuno non ha le anelle al naso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nel riminese il primo caso in Romagna

  • Il titolare del negozio di via Corrado Ricci 'bloccato' in Cina: "Non usciamo di casa da un mese"

Torna su
RavennaToday è in caricamento