menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I 160 anni dell’Unità d’Italia, Fusignani: "Ricordiamo donne e giovani del Risorgimento"

Il vicesindaco di Ravenna ricorda: "Quest’anno si andranno a celebrare i 200 anni della nascita di Anita Garibaldi. L’indomita eroina del Risorgimento Italiano"

Il 17 marzo ricorre il 160° dell’Unità d’Italia. La data infatti rievoca la proclamazione ufficiale del Regno d'Italia tramite l'approvazione da parte del Senato sabaudo del regio decreto con cui Vittorio Emanuele II assunse il titolo di Re d'Italia. "Scevro da ogni retorica il ricordare l’unità d’Italia del 1861 ci porta oggi a custodire un ricordo lungo 160 anni - afferma il vicesindaco di Ravenna e presidente della Fondazione Ravenna Risorgimento Eugenio Fusignani -. Ma che sia dedicata questa giornata anche ricordo di come fu costruita l’Italia, il suo Risorgimento che ha visto uomini donne e giovani come i veri protagonisti di una lotta per l’indipendenza. È proprio verso le donne del Risorgimento che dovremmo rivolgere il nostro sguardo, tanto più quest’anno quando si andrà a celebrare il 200° anniversario della nascita di Anita Garibaldi. L’indomita, la passionaria, l’eroina del Risorgimento Italiano".

"Ma al suo fianco non dobbiamo dimenticare neanche la fatica e i tormenti che dovette subire un’intera generazione - prosegue Fusignani -, veri protagonisti del cambiamento vorrei ricordare il giovane ravennate Gaetano Maldini che a soli 14 anni seguì Giuseppe Garibaldi fino a Roma nell’inverno del 1848. Un testimone di quella che fu la Repubblica Romana nata dagli insegnamenti dell’Apostolo della Libertà; Giuseppe Mazzini. Perché se l’unità d’Italia fu opera e minuzioso lavora di Cavour e della casa Savoia non possiamo dimenticaci che i le fondamenta della nostra indipendenza vennero gettate proprio dalle idee e di Mazzini fin dai primi moti rivoluzionari degli anni ’30 del XIX secolo. C’è un altro ragazzo ravennate che mi preme di ricordare, un ragazzo che in qualche maniera ha raccolto il pesante testimone della lotta per l’indipendenza, è Dario Busmanti che seguì Garibaldi nel 1860 durante la spedizione dei Mille e trovò la morte nei pressi di Napoli".

"Sono questi pochi e semplici testimonianze di come si è giunti a quel lontano 1861 - conclude Fusignani -. Un anno pieno di speranza di progetti e di senso ritrovato d’orgoglio per la propria terra che finalmente si poteva esprimere in Nazione. E non a caso nel discorso di Vittorio Emanuele II, il primo re dell’Italia Unita si rivolgeva al suo popolo tramite i deputati e i Senatori in questi termini: 'Signori Senatori! Signori Deputati! Libera ed unita quasi tutta, per mirabile aiuto della Divina Provvidenza, per la concorde volontà dei Popoli, e per lo splendido valore degli Eserciti, l’Italia confida nella virtù e nella sapienza vostra. A voi si appartiene il darle istituti comuni e stabile assetto. Nello attribuire le maggiori libertà amministrative a popoli che ebbero consuetudini ed ordini diversi veglierete perché la unità politica, sospiro di tanti secoli, non possa mai essere menomata'".

Franceschini: "Unità d'Italia nel segno di Dante"

“La celebrazione dei seicento anni dalla nascita di Dante Alighieri fu la prima, vera grande ricorrenza unitaria: nel 1865, ad appena quattro anni di distanza dalla proclamazione del Regno d’Italia, sorsero ovunque monumenti dedicati al Sommo Poeta - afferma il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, intervenendo alle celebrazioni per la ricorrenza dei 160 anni dall’Unità d’Italia organizzate dal Museo nazionale del Risorgimento di Torino -. Dante, dopo secoli di dimenticanza, fu immediatamente sentito come un potente simbolo identitario e come tale fu ricordato. Oggi, a 160 anni dall’Unità d’Italia, celebriamo i settecento anni dalla morte di Dante, nel nome dell’universalità della sua prosa e dei suoi versi che sono tradotti, amati e celebrati con tante iniziative in tutto il mondo: Dante è l'unità del Paese, Dante è la lingua italiana, Dante è l'idea stessa di Italia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento